breaking news

Melilli| Giuseppe Carta: “riqualificheremo Marina di Melilli, asset strategico per la crescita del nostro territorio”

Melilli| Giuseppe Carta: “riqualificheremo Marina di Melilli, asset strategico per la crescita del nostro territorio”
Politica
'
0

Riqualificare Marina di Melilli, facendo rivivere una zona che versa in condizioni di abbandono. E’ uno degli obiettivi di Giuseppe Carta, il giovane candidato sindaco della coalizione “Uniti per cambiare” che, ieri mattina, ha tenuto un incontro pubblico sull’argomento. I numerosi presenti nella sede della delegazione di Città Giardino hanno ascoltato con attenzione le sue parole.

COCO 300X250Turismo e cultura – ha detto Carta – devono poter convivere e noi, attraverso una pianificazione seria e lungimirante, cercheremo di risollevare le sorti di Melilli, sfruttando le bellezze e le potenzialità del territorio. Per farlo, realizzeremo una stretta sinergia con Priolo, un consorzio tra Comuni. Priolo è pronta a cederci parte del suo territorio. Intendiamo permettere ai melillesi di godere della risorsa mare senza che sia previsto il pagamento di ticket per i vari servizi offerti, dal trasporto pubblico, al parcheggio, alla fruizione di un eventuale futuro lido, come avviene oggi per Marina di Priolo. Non solo. Allestiremo una sede portuale di ricovero, parcheggio imbarcazioni e rimessaggio, con l’obiettivo di creare economia. Gli yatch svernerebbero nella zona e verniciatori, elettricisti e saldatori impegnati nella manutenzione delle imbarcazioni potrebbero acquistare e consumare sul territorio. Non abbiamo la pretesa di diventare la Rimini del sud, ma Marina di Melilli potrebbe essere punto di aggregazione di un turismo stanziale importante per la provincia di Siracusa”.

Carta ha le idee chiare. Per far rivivere Marina di Melilli occorre procedere alla ristrutturazione degli abitati in abbandono.

[embed_video id=126290]

“Siamo pronti a redigere un bando pubblico, vendendo ai cittadini gli immobili al prezzo simbolico di un euro. In cambio, loro dovranno ristrutturali entro 24 mesi. Creeremo così – spiega – tutte le condizioni per rilanciare la zona. Io ci credo e lavorerò sin dall’inizio in questa direzione”.

Per quanto riguarda i siti archeologici, fari puntati sulla Pirrera di Melilli, che sarà “messa in rete”. A visitarla potrebbero essere soprattutto le scolaresche. “Un territorio ampio – aggiunge Carta – che va sfruttato nel modo migliore. Le bellezze si chiamano Stentinello, Cava Pirrera, Cava Mastrantonio, siti dimenticati ma assolutamente da rivalutare. I visitatori porterebbero ricchezza sul territorio e noi dobbiamo fare di tutto per risollevare le sorti di un paese che non attraversa un buon momento e non certo per colpa dell’attuale amministrazione”.

All’incontro hanno partecipato, oltre al sindaci di Melilli e Priolo, Giuseppe Cannata e Antonello Rizza, anche Francesco Diana di Confcommercio Siracusa.

Partendo da un’idea particolare, la riqualificazione della porzione sud della baia di Santa Panagia – ha sottolineato Diana – le idee concrete presentate dagli operatori del settore e dai sindaci hanno reso la giornata fruttuosa gettando le basi per rendere competitiva l’area portuale”.

Marina di Melilli ha realmente l’opportunità di avere una vita nuova che, grazie ai progetti di finanziamento delle aree periferiche, potrebbe in breve tempo diventare realtà.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *