breaking news

Melilli | Operazione “Muddica”, revocata la sospensione dal pubblico impiego per Giulia Cazzetta

2 Marzo 2019 | by Silvio Breci
Melilli | Operazione “Muddica”, revocata la sospensione dal pubblico impiego per Giulia Cazzetta
Cronaca
0

«Appare certamente ridimensionato il quadro indiziario a carico dell’indagata»: lo scrive nel provvedimento il giudice per le indagini preliminari. Accolta la richiesta avanzata dal difensore e dallo stesso pubblico ministero.

Cazzetta, revocato il provvedimento. Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Siracusa ha revocato oggi la misura cautelare interdittiva della sospensione dall’esercizio dei pubblici uffici applicata nei confronti di Giulia Cazzetta, responsabile del secondo settore servizi scolastici, culturali, sportivi, socio-educativi e ricreativi del Comune di Melilli, finita sotto inchiesta lo scorso febbraio, insieme a un altro dipendente comunale, nell’ambito dell’operazione “Muddica” coordinata dalla Procura della Repubblica aretusea, che vede coinvolti, com’è noto, il sindaco Giuseppe Carta, l’ex assessore Stefano Elia, il sindaco di Francofonte Daniele Nunzio Lentini nella sua qualità di funzionario del Comune di Melilli, quattro imprenditori e appunto due impiegati comunali, Reginaldo Saraceno e Giulia Cazzetta.

«Quadro indiziario ridimensionato». Esaminata l’istanza del difensore di Giulia Cazzetta, Francesco Favi, e dello stesso pubblico ministero, ed esaminata la documentazione prodotta a corredo delle richieste, il Gip ha deciso oggi di revocare la misura cautelare interdittiva della sospensione dal pubblico impiego. «Alla luce delle dichiarazioni rese dall’indagata nel corso dell’interrogatorio di garanzia e dell’attività suppletiva di indagine svolta dal pubblico ministero a seguito delle giustificazioni fornite dalla Cazzatta – si legge nel provvedimento del Gip – appare certamente ridimensionato il quadro indiziario a carico dell’indagata sotto il profilo dell’elemento soggettivo dei reati contestati».

Le decisioni su Elia e Lentini. Ieri, com’è noto, accogliendo la richiesta avanzata dal difensore Stefano Rametta, il Gip ha revocato il divieto di dimora nel Comune di Francofonte che era stato disposto nei confronti del sindaco Daniele Nunzio Lentini, confermando il solo divieto di dimora a Melilli. Nei giorni scorsi, invece, il Tribunale del Riesame di Catania ha rimesso in libertà – annullando l’ordinanza del Gip – l’ex assessore Stefano Elia, che era stato arrestato e posto ai domiciliari insieme al sindaco Giuseppe Carta. Assistito dagli avvocati Francesco Favi ed Emanuele Scorpo, anche il primo cittadino di Melilli si è rivolto al Tribunale del Riesame e l’udienza è fissata per mercoledì 6 marzo.

© Riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com