breaking news

Melilli| Villasmundo – Augusta, Vinciullo e Cannata ne sollecitano la sistemazione

27 Settembre 2019 | by Redazione Webmarte
Melilli| Villasmundo – Augusta, Vinciullo e Cannata ne sollecitano la sistemazione
Attualità
'
0

“Strada Augusta-Villasmundo, da mesi protestavamo contro il trasferimento di 500 mila euro ad altra strada provinciale, sicuramente meno pericolosa. L’ex deputato regionale Vincenzo Vinciullo e il consigliere comunale di Melilli intervengono sulla necessità della messa in sicurezza della strada stigmatizzando lo spostamento dei fondi a essa destinati verso un’altra arteria meno pericolosa.

“Da mesi, sia attraverso i media, quanto nel Consiglio comunale di Melilli, inascoltati da tutti, abbiamo protestato contro lo spostamento, che ritenevamo inopportuno e inappropriato, di 500 mila euro, che erano stati stanziati nella scorsa Legislatura, per la messa in sicurezza della strada provinciale Villasmundo-Augusta e precisamente nel tratto di intersezione con la strada che conduce al convento del “Monte Carmelo”, a poche centinaia di metri dal luogo dove è avvenuto l’incidente mortale di qualche giorno fa”. Lo dichiara in un comunicato stampa Vincenzo Vinciullo insieme con Salvo Cannata, consigliere comunale di Melilli.

“Non siamo intervenuti immediatamente per il rispetto dovuto a chi perde i propri cari, ma oggi, alla giusta distanza di tempo, contestiamo, ancora una volta, l’operato della ex Provincia regionale di Siracusa che ha deciso di togliere le somme stanziate per la strada Villasmundo-Augusta e di assegnarle ad altra zona della provincia. Nello stesso tempo, contestiamo il silenzio assordante dell’amministrazione comunale di Melilli che non ha voluto ascoltare le nostre proteste e il nostro grido di dolore e la richiesta di aiuto per difendere il nostro territorio”.

Come si ricorderà, nella rimodulazione del Patto per il Sud, venne inserita il 3 agosto del 2017, cioè nella scorsa Legislatura, la somma di 500 mila euro per la messa in sicurezza della intersezione che conduce al Monte Carmelo, intersezione che si trova a poche centinaia di metri dalla zona dove è avvenuto l’incidente. “Successivamente – aggiungono Vinciullo e Salvo Cannata – su richiesta della ex Provincia di Siracusa, con deliberazione n.147 del 24 aprile 2019, la Giunta regionale di Governo, ha spostato le somme stanziate per la Villasmundo-Augusta sulla Rosolini-Pachino, secondo il criterio di “spogghia a Cristu e vesti a Maria” e senza che i rappresentanti istituzionali e politici della provincia rivendicassero, come giusto che fosse, nuove assegnazioni per la Provincia di Siracusa, così come avevo fatto io nella precedente Legislatura.

“Invece –  continuano Vinciullo e Salvo Cannata – si è preferito assecondare l’azione del Governo regionale che rimodula e rimischia le risorse già assegnate alla nostra provincia, e tutto ciò può avvenire perché nessuno ha il coraggio di alzare la voce e  di rivendicare i nostri diritti. Di conseguenza alla richiesta della ex Provincia, la Giunta di Governo regionale, su proposta dell’Assessore delle Infrastrutture, che vediamo quotidianamente in provincia di Siracusa, impegnato ad autocelebrare la propria attività politica, ha trasferito, cioè tolto, le risorse alla Augusta-Villasmundo e le ha assegnate alla Rosolini-Pachino.

Ci saremmo aspettati che, di fronte a questo oggettivo scippo politico, sia il Comune di Melilli, quanto quello di Cassaro, che è l’altro Comune che ha dovuto subire questa ingiusta decisione, si appellassero e ricorressero, come il famoso fornaio di Berlino, a un giudice, ma oggi nessuno ha più il coraggio e la voglia di ricorrere ai giudici e anche questo deve fare riflettere. Bene, questo Governo regionale, che tanto dice di fare e voler fare per la provincia di Siracusa, l’unica cosa che modestamente e con grande difficoltà riesce a fare è quella di rimescolare le carte, ridistribuire, secondo principi illogici, le risorse assegnate nella scorsa Legislatura e nel rimodulare queste risorse, ogni tanto, da perfetti Robin Hood della politica, sia chiaro, toglie qualcosa alla nostra provincia per destinarla ad altre.

Dispiace, oggi – concludono Vinciullo e Salvo Cannata, dover intervenire sulla vicenda  in seguito a una notizia tristissima, che ha colpito questa provincia, ma se, nei mesi precedenti, anche altri si fossero uniti alla nostra protesta e alle nostre sollecitazioni, anziché rimanere soli, avremmo, con la forza di tutti, costretto la Provincia ad eseguire il progetto finanziato, la Regione a non togliere il finanziamento e, forse, oggi, una rotatoria a poche centinaia di metri dall’evento drammatico avrebbe costretto tutti a guidare con maggiore attenzione. Ma l’episodio deve fare riflettere tutti e soprattutto la ex Provincia, che ha a disposizione, ormai da troppi anni, una somma consistente per le strade provinciali, oltre 18 milioni di euro”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com