breaking news

MEZZA VITTORIA CONTRO L’ENNESIMA DEVASTAZIONE DEL TERRITORIO

MEZZA VITTORIA CONTRO L’ENNESIMA DEVASTAZIONE DEL TERRITORIO
Attualità
0

Per il momento niente centro commerciale sul Lungomare catanese. La lunga battaglia delle associazioni catanesi contro il cosiddetto progetto “Viabilità di scorrimento Europa-Rotolo”,  ha dato i primi frutti. Con una sentenza del 12 aprile, il TAR di Catania ha infatti annullato il provvedimento n. 05/38 del 19 gennaio 2012 del commissario ad acta nominato dal TAR, così accogliendo parzialmente il  ricorso presentato dal Comune di Catania.

Certo una buona notizia, ma la partita è ancora tutta da giocare. Prossimo passo, adesso, è la richiesta da parte delle associazioni di partecipazione al procedimento. Richiesta che ha visto aggiungersi alle 27 precedenti realtà anche il neonato comitato catanese del Forum nazionale Salviamo il Paesaggio, Difendiamo i Territori.

La vicenda – ricordiamo – inizia il 31 luglio 2009, quando tredici associazioni catanesi, numerosissimi cittadini, professionisti, tecnici e docenti universitari avevano rivolto un appello agli organi di informazione, alla cittadinanza ed alle istituzioni affinché non venisse realizzato il progetto denominato “Viabilità di scorrimento Europa-Rotolo”, un’operazione speculativa ai danni dell’ambiente, della cittadinanza e del bene comune.

Dopo avere esaminato approfonditamente il progetto, seguì l’8 febbraio 2010 una seconda lettera nella quale altrettante associazioni argomentarono le loro forti perplessità verso un progetto che, ideato originariamente quale viabilità di scorrimento per motivi di protezione civile, alla fine era risultato essere ben più invasivo, nei termini descritti in un’inchiesta pubblicata nei giorni precedenti sul “Quotidiano di Sicilia” a firma di Antonio Condorelli: «400 mila metri cubi di sbancamento a 10 metri sul livello del mare, 56 mila metri quadri di centro commerciale e 48 mila mq di parcheggi a pagamento spalmati tra una strada che doveva essere una via di fuga antisismica e un pezzo di costa lungo 1200 metri, in concessione per 38 anni ad un gruppo imprenditoriale».

A seguito però di un ricorso esperito dinanzi al TAR dalle società aggiudicatarie dei lavori per l’asserito comportamento inadempiente del Comune, il giudice amministrativo ha con sentenza del luglio 2011 nominato nella persona del Segretario del Comune di Messina il commissario ad acta deputato a sostituirsi al Comune inadempiente per il completamento della procedura relativa al progetto di finanza “Viabilità di scorrimento Europa-Rotolo”. Il commissario risulterebbe essere già insediato con provvedimento del novembre 2011.

L’inerzia delle istituzioni comunali nel definire questa vicenda, seppur ereditata da amministrazioni del passato, ha comportato la soccombenza in un giudizio le cui non indifferenti spese graveranno sulle tasche dei contribuenti catanesi. Ora l’auspicio è quello che, subito dopo avere ottemperato alla sentenza, l’Amministrazione provveda, con i poteri di cui gode, all’annullamento della gara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com