breaking news

Floridia| Migranti, Petruzzello sente “puzza” d’affari

Floridia| Migranti, Petruzzello sente “puzza” d’affari
Politica
'
0

Il segretario di Primavera Floridiana,  come i Cinquestelle:  “No al centro accoglienza a Vignalonga. Impensabile che il sindaco non sapesse”

Dopo le esternazioni del presidente del quartiere Vignalonga, adesso è il segretario di Primavera Floridiana, Stefano Petruzzello a mettersi di traverso contro la probabile apertura di un centro rifugiati in una città che di centri accoglienza ne conta già tre. E PF non è la sola. Anche i  Cinquestelle la pensano al pari dei quasi 400 cittadini floridiani che hanno in una petizione poderosa hanno detto no ad altri immigrati. Non è razzismo, tengono a sottolineare tutti, ma solo problemi di sicurezza, cosi come dice Milo Giarratana, presidente del quartiere interessato che dovrebbe ospitare altri rifugiati oltre ai settanta esistenti già in città.  Petruzzello di PF sente però “puzza” di affari e lo spiega nella sua lunga nota:  “Il rischio che si poteva correre al momento in cui si affidavano le redini di una città come la nostra ad una classe dirigente impreparata e priva di una progettualità politico – amministrativa, quale è quella rappresentata dall’Amministrazione Scalorino, era quello che Floridia potesse diventare terra di conquista di chiunque avesse interesse a fare affari nel nostro territorio. La mancanza, in questi ultimi anni, di una vera e autorevole guida amministrativa ha reso il nostro Comune vulnerabile agli assalti di comitati di affari senza scrupoli. E’ ormai intollerabile che un sindaco dichiari di non essere a conoscenza dell’installazione di un’antenna di telefonia di fronte ad una scuola. E’, altresì, intollerabile che, sotto la maschera del non sapere nulla, si consenta l’introduzione di una vera e propria comunità di rifugiati a Vignalonga, senza un vero progetto di integrazione di questi poveri disperati. E’ scaduto il tempo per Ponzio Pilato! E’ venuto il momento di assumersi le proprie responsabilità prima che la situazione degeneri e queste responsabilità se le assumano, nella maniera sbagliata, i cittadini”.

 

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com