breaking news

MUSCATELLO,IL PD CHIEDE RISPOSTE ALL’ASP ALLA LUCE DELLA MOBILITAZIONE DI SABATO

MUSCATELLO,IL PD CHIEDE RISPOSTE ALL’ASP ALLA LUCE DELLA MOBILITAZIONE DI SABATO
Sanità
0

“Risposte concrete da parte dell’Azienda Sanitaria Provinciale e dell’Assessorato Regionale alla sanità, sulle tre richieste avanzate dalla città per bocca del Sindaco e del portavoce del Coordinamento: la revoca del decreto assessoriale con l’immediata sospensione di ogni atto relativo al trasferimento dei reparti del Muscatello verso altri ospedali, che il Presidio Territoriale di Assistenza sia integrativo e aggiuntivo del presidio ospedaliero e non lo sostituisca in nessuna misura, e la piena applicazione di quanto previsto dall’articolo 6 della legge regionale  5 del 2009″. Dopo la mobilitazione cittadina di sabato scorso, il Pd di Augusta sollecita un riscontro da parte dell’Asp. A parlare è il segretario Giovanni Santanello. “Ci aspettiamo che già nell’incontro istituzionale previsto per mercoledì prossimo  con il sindaco e una rappresentanza dell’Amministrazione e del Consiglio comunale, la direzione dell’Asp di Siracusa – prosegue Santanello – presenti una nuova proposta di ripartizione dei reparti e del numero dei posti letto tra gli ospedali della provincia.Una proposta che con potrà prescindere dall’esigenza di togliere una parte dei posti letto così generosamente accreditati ai privati per restituirli alla sanità pubblica”. L’esponente del Pd si aspetta “l’accoglimento da parte del Tar di Catania del ricorso presentato dall’Amministrazione Comunale per l’immediata sospensione del Decreto Assessoriale n. 1150 del 15 giugno 2009, già nell’udienza fissata per il prossimo 14 aprile, per la fondatezza delle motivazioni”. Soddisfazione viene espressa da Santanello per il fatto che “il Piano della Salute 2011-2013, presentato due giorni fa dall’Assessore Massimo Russo e dal Presidente della 6a Commissione dell’Ars, Giuseppe Laccoto, con riferimento alle zone industriali/ad alto rischio ambientale, ribadisce che  dovranno essere attivati tutti gli interventi necessari a dare concreta attuazione alla legge 5.Il Piano- ricorda il segretario cittadino del Pd- prevede espressamente che questo avvenga  “attraverso anche la promozione e il relativo finanziamento della ricerca clinico-epidemiologica, mediante studi mirati sulle patologie riconducibili all’insolubrità dei luoghi, quali malformazioni congenite, patologie tumorali, broncopolmonari e il ricorso all’aborto terapeutico, e che in tali zone dovranno essere potenziate, oltre alle attività di prevenzione e sorveglianza epidemiologica, tutte le forme di assistenza territoriale e ospedaliera. A tal fine dovrà prevedersi la costituzione, a livello regionale, di una apposita Commissione per il Rischio ambientale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com