breaking news

NON APRITE QUELLA PORTA!

29 Ottobre 2013 | by Alessandro Mascia
NON APRITE QUELLA PORTA!
Politica
0

Francesca Furfaro è rimasta fuori dalla sede locale del Pd: non aveva le chiavi della porta. Lei è una delle tre coordinatrici del partito, gli altri due, però, sono maschi (appoggio in toto la difesa di genere della Boldrini!). A cui bisogna sottrarre un dimesso – Giuseppe Terranova – che lasciamo così, tra l’aggettivo e il verbo. Poi c’è l’attempato tesoriere abilitato ad aprire la porta della sede – quando se lo ricorda – un tesoriere portachiavi. Senza di lui le riunioni di partito si potrebbero fare solo alla luce dei lampioni di via Principe Umberto. Location indubbiamente suggestiva, ma non per la Furfaro che segnala l’accaduto a un intimo gruppo di amici: al comitato provinciale del Pd, al comitato regionale del Pd, al comitato di garanzia per il congresso del Pd, agli organi di controllo del Pd e, giusto per conoscenza, agli organi di stampa. Del tesoriere, sputtanata la sua memoria labile, si sono perse le tracce. E con lui le chiavi.

Un militante del Partito democratico non gliela manda a dire a quella “mezzatacca cerca poltrone” della Furfaro: “Ha sbagliato partito, Grande sud è in via Roma”. Un anno a questa parte – infatti – l’attuale coordinatrice del Pd lasciava lo stesso Pd per approdare in Grande sud, il partito di Gianfranco Micciché. Manco il tempo di abituarsi all’idea che oggi è di nuovo nel Pd e fa parte del gruppo dirigente. E protesta pure! Convinta di un complotto ai danni del funzionamento del coordinamento cittadino.

Gli altri due coordinatori del Pd augustano, il dimesso Terranova e Giovanni Bonnici avevano tentato di opporre resistenza al ritorno della Furfaro. Avevano anche stabilito una regola per l’imminente congresso cittadino: “Criteri di tesseramento circolo Pd di Augusta: «3) Non può essere ammesso al Pd di Augusta colei che non sia compatibile, anche valutando la pregressa militanza politica, con i principi contenuti nello statuto, nel codice etico e nel manifesto dei valori»”. E da quando gli augustani stabiliscono criteri?! Deve averlo pensato il siracusano Giovanni Cafeo, membro dell’assemblea nazionale del Partito democratico, quando ha stabilito lui un criterio: «1) Francesca Furfaro sarà coordinatrice del partito ad Augusta».

E guai a chi non le apre la porta! Alessandro Mascia

 

Visualizzazioni: 461

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com