breaking news

Noto| “Rifiutare la logica di chi si sente potente”

26 Gennaio 2017 | by Redazione Webmarte
Noto| “Rifiutare la logica di chi si sente potente”
Cronaca
'
0

La Polizia incontra gli studenti. La cultura del rispetto al centro del dibattito alla “Maiore”, dagli atti vandalici ai bulli”.

yap recordingNella giornata di ieri, il Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Noto, Vice Questore Aggiunto Dr. Paolo Arena, nell’ambito del progetto di formazione studentesca denominato “Legalmente Giovani”, in presenza del Preside e dell’equipe degli insegnanti, ha incontrato gli studenti delle classi medie inferiori del Plesso Scolastico F. Maiore sul seguente tema: “ Atti vandalici e da bulli. Gioventù attiva: la cultura del rispetto”. L’attenzione iniziale è stata posta sull’importanza del prendere consapevolezza del ruolo di cittadini attivi all’interno della propria comunità, rispettando i beni che costituiscono patrimonio di tutti. Si è posto l’accento sugli atti vandalici perpetrati nei mesi precedenti in danno delle bellezze monumentali del paese, con imbrattamenti di chiese e in alcuni casi in veri e propri danneggiamenti che destano indignazione nella cittadinanza in un territorio in cui il barocco è patrimonio dell’umanità e che non può e non deve essere oggetto di violenza gratuita di bande giovanili le quali danneggiano l’arte e la cultura per mero divertimento. E’ stato mostrato agli studenti un video sulla bellezza architettonica di Noto per stimolare in essi la cultura del rispetto evidenziando al contempo le responsabilità penali, estese anche a minori di anni quattordici, per i reati di danneggiamento aggravato ed imbrattamento dei beni facenti parte del patrimonio artistico. Il monito lanciato ai giovani, è stato quello di abbandonare l’atteggiamento del bullo sia nei rapporti tra coetanei, sia nel rapporto con la città in sé, luogo di civiltà e confronto e non campo di battaglia e vandalismo. I giovani, oggi sono preda facile da parte di adulti che li strumentalizzano per finalità illecite, presentando l’illegalità come il banco di prova necessario per testare il loro coraggio criminale. La mafia a tutti i livelli, si serve dell’operato dei più piccoli. Urge dunque un recupero di legalità impegnando i giovani in attività formative che li veda protagonisti nella comunità. “Abbiate la forza di rifiutare la logica di chi si sente potente, siate giovani con la testa, capaci di interagire, di dire no alla cultura della violenza ad ogni costo”.

medmoda new 650x

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com