breaking news

Noto| Spacciavano tra piazza Mazzini ed il Corso. Partono 12 avvisi.

Noto| Spacciavano tra piazza Mazzini ed il Corso. Partono 12 avvisi.
Cronaca
'
0

Notificati 12 avvisi di conclusione di indagini preliminari ad altrettanti soggetti accusati di detenzione ai fini di spaccio di droga sulla piazza di Noto.

Nella giornata di ieri, al termine di un’articolata attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, Agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Noto, procedevano a denunciare, ed a notificare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, 12 soggetti, alcuni dei quali già noti alle forze di polizia, in quanto in concorso tra loro,  in tempi diversi ed in esecuzione del medesimo disegno criminoso, detenevano ai fini della cessione a terzi  sostanze stupefacenti del tipo hashish e marijuana, con la recidiva reiterata ed infra-quinquennale per diversi di loro.

Trattasi di: G. di anni 40 netino; E. di anni 41 netino, C. di anni 33 netino, R. di anni 28 netino, D. di anni 27 netino, M. di anni 27 netino, C. di anni 29 netino, F. di anni 43 catanese, C. di anni 32 netino, C. di anni 34 portopalese, G. di anni 39 portopalese, V. di anni 26 netino.

L’indagine, avviata con la Procura Distrettuale Antimafia di Catania, poi trasmigrata a quella ordinaria di Siracusa, espletata dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Noto e supportata da attività tecnica di intercettazione sia telefonica che ambientale, permetteva di acquisire riscontri oggettivi inequivocabili a carico di 12 soggetti gravitanti nel settore dello spaccio di stupefacenti.

Più nel dettaglio, nell’ottobre 2010, personale di Polizia dipendente, apprendeva della proficua attività di spaccio di droga da parte del C. G. e del cognato M.R. per la quale si avvalevano di giovani pusher che erano soliti frequentare specifici luoghi di concentramento giovanile. L’attività tradizionale di appostamento, osservazione e pedinamento, confermava i sospetti e la situazione di spaccio esistente in piazza Mazzini ed in pieno centro storico netino ovvero nell’area limitrofa al corso Vittorio Emanuele, sul sagrato della Basilica del SS Salvatore.

L’attività di intercettazione si è rivelata fruttuosa nell’acquisizione di gravi elementi di responsabilità, svelando il fine ultimo degli indagati, ovvero quello di pianificare e concretizzare le procedure di compravendita dello stupefacente con collegamenti con la mala catanese.

Circa 10 i sequestri di droga effettuati in sequenza dal personale di Polizia, tra il 2010 ed il 2012, oltre ad alcuni deferimenti in stato di arresto e di libertà, in riscontro all’attività di detenzione finalizzata allo spaccio sia di marijuana (per complessivi grammi 250,00) che di hashish (per complessivi grammi 110) destinata ai più giovani.

Nelle conversazioni telefoniche, nel corso delle quali vengono concordati i numerosi appuntamenti tra gli indagati e gli assuntori di droga, gli interlocutori utilizzavano volutamente un linguaggio criptico finalizzato ad eludere i controlli delle forze di Polizia del tipo “Portami i jeans”…. “L’hai portati i documenti?”…”Vai a prender due schede”…Il cannolo di ricotta fammelo trovare dietro la porta”…Il Cornetto e le chiavi della camera sono tra la persiana e la porta bianca “Sto andando a Catania a prendermi un caffè…Se dobbiamo giocare alla play station devi prendere il joystik”. Tra tutti emerge la figura del M.R. quale vero e proprio organizzatore e controllore dell’attività di spaccio e di C.G. , noto pregiudicato netino vicino al clan Trigila come acclarato in altre indagini di Polizia attualmente ristretto presso la casa circondariale di Cavadonna, che M.G. chiama con altro nome fittizio, segno di familiarità dovuta a pregressi accordi, dei fratelli A., questi ultimi di Portopalo con numerosi precedenti penali per reati contro la persona ed il patrimonio nonché di G.E., tra tutti il più accorto nelle conversazioni con gli altri indagati utilizzando sempre utenze cellulari intestate a persone non direttamente riconducibili a lui.

Nella giornata di ieri, pertanto, gli indagati convocati in Commissariato, venivano deferiti per i reati di detenzione ai fin i di spaccio di stupefacenti come disposto dall’AG competente con la notifica degli avvisi conclusione indagini, stante il lasso di tempo trascorso. Per il C:G. , il D.F. e i fratelli A.C e A.G. si procedeva a notificare gli avvisi direttamente presso la casa circondariale di Cavadonna, ove sono tuttora ristretti per altri procedimenti penali sempre a seguito di recenti operazioni della Polizia di Stato coordinate dalla DDA.

Sempre nella serata di ieri, al termine di una celere attività investigativa, Agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Noto, hanno tratto in arresto, nella quasi flagranza del reato, F.A. (classe 1984) residente a Noto, e deferivano in stato di libertà il di lui figlio minorenne (classe 2001), per il reato di danneggiamento aggravato a seguito di incendio in concorso e minacce gravi.

L’uomo, insieme al figlio avuto da un altro matrimonio, non accettando la fine della relazione con l’attuale convivente, si sarebbe recato presso l’abitazione della donna e dava alle fiamme il motociclo di sua proprietà. Inoltre il minore telefonava all’ex compagna del padre e la minacciava. (foto repertorio)

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com