breaking news

Pachino| Da benefattore ad orco. Conosceva la famiglia della vittima

Pachino| Da benefattore ad orco. Conosceva la famiglia della vittima
Cronaca
'
0

Giombattista Lombardo avrebbe violentato ripetutamente la bambina almeno per tre anni. All’epoca dei fatti la vittima aveva 12 anni. L’impiegato comunale adesso si trova in carcere. Si indaga sul rapporto tra lui e la famiglia della piccola.

[embed_video id=152615]

Si trova rinchiuso al carcere di Cavadonna il presunto violentatore di una bambina di 12 anni, questa l’eta dell’attuale quindicenne ai tempi del danno subito. Lui, Giombattista Lombardo, di mestiere fa il dipendente comunale, 67 anni, una vita spesa nel sociale a favore dei più deboli. E responsabile di una associazione che opera nel campo della protezione civile e sempre come volontario è incaricato a portare i pacchi della spesa direttamente a casa dei più bisognosi. Oggi è accusato di violenza sessuale aggravata e continuata per aver abusato delle condizioni di inferiorità fisica, economica e psichica della piccola vittima affetta da un ritardo mentale di medio grado

Le indagini sono partite lo scorso dicembre. Lombardo, impiegato  presso l’ufficio anagrafe canina, aiutava con pacchi alimentari attraverso un’associazione di assistenza sociale, la famiglia della ragazzina. Un aspetto che gli inquirenti non hanno mai trascurato per risalire ai fatti incresciosi: le testimonianze della gente che ha visto spesso girare in auto l’uomo in compagnia della ragazzina. L’auto era quella dell’associazione di volontariato, ma la fascia orario non corrisponderebbe però a quella in cui si svolgeva solitamente attività di volontariato. Pertanto, sono risultati subito sospetti quei continui andirivieni dalla sede in compagnia della dodicenne.

E c’è un aggravante. A quanto pare, Lombardo avrebbe frequentato la “vittima” anche durante le ore di lavoro al Comune, assentandosi dall’ufficio pubblico. Ma gli inquirenti stanno facendo luce anche su un altro aspetto: sul rapporto tra l’indagato e la famiglia della bambina anche tramite lo scandaglio delle conversazioni telefoniche.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com