breaking news

Pachino| Maltrattava moglie da 40 anni

15 Gennaio 2018 | by Redazione Webmarte
Pachino| Maltrattava moglie da 40 anni
Cronaca
'
0

Arrestato uomo-padrone. Avrebbe minacciato di morte la moglie con una pistola e una motosega e, proprio in quell’occasione, lei avrebbe anche tentato il suicidio. Infine l’ha denunciato. Pachino, comune con alta incidenza di violenza familiare.

Agenti della Polizia di Stato, in servizio al Commissariato di P.S. di Pachino hanno arrestato M.R., classe 1954, di Pachino, già conosciuto alle forze di Polizia, in esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare per i reati di maltrattamenti, lesioni personali aggravate nei confronti della moglie, classe 1958, e per porto abusivo di armi.

In particolare, a seguito di un’articolata e complessa attività di investigativa, riconducibile a una lunga serie di fatti delittuosi posti in essere dall’arrestato, la Polizia di Stato accertava che l’uomo, sin dall’inizio della vita matrimoniale, aveva manifestato la propria indole aggressiva e possessiva nei confronti della moglie, la quale era costantemente vittima di ingiurie, minacce, soprusi e violenze fisiche di ogni genere, fino al punto di impedirle di truccarsi ed uscire di casa se non accompagnata da parenti.

La vittima aveva vissuto  40 anni di matrimonio in maniera tormentata e avvilente, tollerando per amore dei figli una vita familiare caratterizzata da reiterate sopraffazioni sessuali da parte del marito il quale, tra l’altro, rientrava spesso a casa all’alba e ubriaco. In alcune circostanze era stata minacciata di morte con una pistola, in altre con una motosega e, proprio in quella occasione, aveva anche tentato il suicidio.

L’attività investigativa, avvalorata da numerose testimonianze, consentiva di riscontrare ampiamente le condotte violente e intimidatorie poste in essere dal marito non solo nei confronti della moglie, ma anche nei confronti di tutta la famiglia. Dopo le incombenze di rito l’arrestato è stato condotto presso il carcere di Cavadonna.

Difatti, continuano a registrarsi episodi di violenza nei confronti di donne, commessi anche in ambito familiare e nel contesto dei rapporti di coppia con situazioni di maltrattamenti tra le mura domestiche. Tali situazioni pongono in una posizione di forte fragilità psicologica la vittima  la quale, a volte, fatica a riconoscere la violenza subita e a formalizzare, pertanto, una denuncia agli organi di Polizia.

Nell’ottica di fornire un ulteriore impulso ed efficacia all’azione di prevenzione e di contrasto a tale fenomeno, la Questura di Siracusa ha attuato nel corso del 2017 il progetto “Questo non è amore” con l’utilizzo di postazioni mobili (camper) che sono stati collocati nelle piazze e nelle vie della città. L’iniziativa, oltre ad avere una valenza informativa, è stata volta a favorire l’emersione del fenomeno favorendo un contatto diretto con le potenziali vittime e offrendo loro il supporto di una equipe multidisciplinare composta da operatori specializzati presente all’interno del camper.

Sempre a scopo preventivo, sono stati svolti dagli Agenti dell’Ufficio Relazioni Esterne, accompagnati dai rappresentanti di alcune associazioni antiviolenza, degli incontri con gli studenti dei licei cittadini, al fine di sensibilizzare i ragazzi sulla tematica del femminicidio e della violenza di genere.

Per quanto riguarda l’azione repressiva, si rappresenta che nel corso dello scorso anno la Questura di Siracusa è stata particolarmente attiva nel contrasto al fenomeno dei femminicidi e, più in generale, della violenza di genere; sono stati emanati, infatti,  51 ammonimenti, 27 per il reati di violenza di genere e 24 per il reato di stalking.

Particolarmente incisivo a tal proposito è stato, nel corso di tutto il 2017, il Commissariato di Pachino che ha concluso due importanti operazioni di polizia: Il 22 aprile, Agenti del Commissariato di P.S. di Pachino, al termine di una delicata indagine di polizia giudiziaria, hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto a carico di un uomo di 46 anni di Pachino, accusato di violenza sessuale nei confronti di tre giovani ragazze minorenni.

Il 7 settembre, gli Agenti di Pachino, infine, hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere per omicidio, maltrattamenti, lesioni, incendio e calunnia a carico diSebastiano Iemmolo di anni 36, residente a Rosolini, già noto alla Polizia per i suoi numerosi precedenti. I reati ipotizzati si riferiscono ad una serie di delitti di maltrattamenti nei confronti di Laura Pirri e del figlio minore, culminati con il decesso della donna avvenuto il  25 marzo 2017 dopo 18 giorni di agonia.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com