breaking news

Pachino| “PD, ci sei o ci fai?”. “Cambiamenti” invoca il Prefetto

5 Settembre 2018 | by Redazione Webmarte
Pachino| “PD, ci sei o ci fai?”. “Cambiamenti” invoca il Prefetto
Politica
'
0

“PD – Pachino ci sei o ci fai? Perché non chiedi l’incontro al Prefetto anche sul verbale del Collegio dei Revisori n. 45 del 30.8.2018?”. A chiederlo il movimento Cambiamenti che prende di mira l’atteggiamento del sindaco Bruno.

Finito di leggere il comunicato del PD di Pachino e saputo di una richiesta di incontro al Prefetto di Siracusa “per presunte nefandezze che l’opposizione voleva compiere durante l’ultimo consiglio comunale del 28 agosto scorso”, il movimento Cambiamenti interviene subito con un attacco: “Considerato che il sindaco Bruno ha ritirato il punto all’ODG e il Presidente Borgh ha sciolto il consiglio comunale senza che nessun consigliere potesse prendere la parola, ci chiediamo se nel PD di Pachino, invece di politici responsabili, siano rimasti un manipolo di sciamani, capaci di prevedere il futuro”.

La domanda però nasce spontanea: perché il PD non ha chiesto l’incontro al Prefetto quando alcuni consiglieri di opposizione, con voto determinante, hanno approvato il bilancio di previsione 2017 o il piano di riequilibrio economico finanziario? “A nostro avviso quello sarebbe stato il momento più indicato per chiedere l’incontro – si legge nella  nota di Cambiamenti – Ci chiediamo inoltre perché il PD non estende il tema dell’incontro anche al verbale del Collegio dei Revisori n. 45 del 30.8.2018. Infatti, con il detto verbale, il Collegio dei Revisori ( richiesto di un parere relativamente alla Delibera di G.M. 122 del 31.7.2018, relativa alla spesa di € 42.500,00 per il programma “Percorsi d’estate” in assenza di approvazione del bilancio di previsione), ha scritto “… le obbligazioni assunte con i suddetti atti, …, sono illegittime per violazione dell’art. 163 comma 2 del D. Leg.vo 267/2000 (TUEL). Pertanto, gli impegni di spesa assunti sono illegittimi e costituiscono causa di danno erariale per il comune.

In attesa che il PD chiarisca meglio il suo comportamento omissivo di allora e di oggi, aspettiamo fiduciosi gli esiti della Commissione Prefettizia di Indagine che farà certamente luce su tanti aspetti della attività politica e amministrativa di Pachino degli ultimi anni.

Infine, ricordiamo agli amici del PD che, con nota Prot. 26800 del 31.8.2018, è stata notificata ai consiglieri, oltre che al Sindaco e al Presidente del Consiglio, il D.D.G. 198 con il quale l’Assessorato alle Autonomie Locali ha nominato il Commissario ad Acta per l’approvazione del rendiconto di gestione relativo all’esercizio 2017, ad oggi non portato in consiglio dall’amministrazione.

Ancora una volta ci chiediamo: se il PD di Pachino ha tanto a cuore le sorti della città, invece di infangare tutta l’opposizione, anche quella che non è stata mai sfiorata da alcun sospetto, perché non lavora per risolvere i tanti problemi che la sua amministrazione continua a creare alla città? Se non è in grado di fare ciò per cui ha ottenuto il consenso popolare allora ne tragga le conseguenze, passi la mano!”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com