breaking news

Palermo | Ambiente. Arancio (PD): si riutilizzino acque reflue in agricoltura

Palermo | Ambiente. Arancio (PD): si riutilizzino acque reflue in agricoltura
Politica
'
0

Il parlamentarie regionale Giuseppe Arancio (PD): “una ricaduta di notevole importanza sul comparto agricolo oltre che nel campo della tutela ambientale”

Programmare in tempi rapidi opere mirate alla fruizione e alla gestione del patrimonio idrico al riutilizzo delle acque reflue. Lo dice Giuseppe Arancio, primo firmatario di un ordine del giorno che prevede l’istituzione di un tavolo operativo permanente per la realizzazione delle opere riciclo e riutilizzo delle acque reflue. “Per consentire alle imprese agricole di uscire dalla crisi conseguenza dell’emergenza pandemica – afferma il parlamentare regionale Giuseppe Arancio – non servono solo ristori, ma opere che risolvano in via definitiva problemi come quello dell’acqua, impedendo la perdita del prezioso  liquido attraverso reti colabrodo  e contestualmente adottando misure idonee affinché  si possa  pensare ad un riutilizzo delle acque di scarico opportunamente depurate.

Senza contare – prosegue il parlamentare – che le acque reflue depurate prima dello scarico a mare consentirebbero di diminuire gli alti tassi di inquinamento del litorale. La Regione ,attraverso l’Autorità  di Bacino del distretto idrografico della Sicilia,  istituita con l’articolo 3 della l.r. 8/2018 quale dipartimento della Presidenza della Regione,  – aggiunge  – ha  il compito di assicurare la difesa del suolo e la mitigazione del rischio idrogeologico, il risanamento delle acque, la manutenzione dei corpi idrici, la fruizione e la gestione del patrimonio idrico e la tutela degli aspetti ambientali nell’ambito dell’ecosistema unitario del bacino del distretto idrografico della Sicilia, in adempimento degli obblighi derivanti dalle direttive UE di settore. 

È importante – conclude Arancio – strutturare, in riferimento alle criticità presenti nel comprensorio gelese, sia connesse alla carenza idrica che per le note questioni afferenti il polo petrolchimico, un intervento ambientalmente sostenibile, coinvolgendo tutti gli attori istituzionali presenti sul territorio e, idoneo al riutilizzo delle acque reflue e in grado di soddisfare il comparto agricolo in sofferenza valutandone la fattibilità economica anche mediante la destinazione delle risorse correlate alle royalties e alle indennità compensative”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com