breaking news

Palermo| “Formazione, in 5000 espulsi per faide tra correnti”

Palermo| “Formazione, in 5000 espulsi per faide tra correnti”
Sindacale
'
0

E’ la risposta dell’USB all’assessore Marziano dopo il convegno “Dalla scuola al mondo del lavoro”, Guzzo: “Con gli Avvisi 4 e 7 avrebbero dovuto trovare occupazione il personale iscritto all’Albo regionale ma in moltissimi casi hanno visto “vincitori” e assegnatari delle cattedre persone che non hanno mai lavorato un solo giorno in un Ente”

Sbotta ancora una volta l’USB contro l’assessore Bruno Marziano a proposito dei criteri di selezione del personale docente chiamato a lavorare nei nuovi avvisi rivolti  agli enti di formazione in Sicilia. L’occasione viene presto data dall’intervento dell’assessore al congresso “Dalla scuola al mondo del lavoro” a Monreale. Il portavoce USB Costantino Guzzo, pur trovandosi completamente d’accordo sul ruolo strategico della Formazione Professionale “sana” per far ripartire l’economia e conseguentemente creare nuovi posti di lavoro, non può far a meno di rilasciare alcune riflessioni a “freddo”: “L’assessore sembra, moltissime volte, un vecchio “Super 8” incantato poichè scrive e dice sempre le stesse cose”.

“I bandi messi in atto dagli Enti destinatari dei finanziamenti riguardanti l’Avviso 4 e 7 dove, con raccomandazione della Corte dei Conti, avrebbe dovuto trovare occupazione il personale iscritto all’Albo regionale, in moltissimi casi hanno visto “vincitori” e assegnatari delle cattedre persone che non hanno mai lavorato un solo giorno in un Ente del sistema formativo siciliano.

“Questi proclami ad effetto sembrerebbero costruiti a margine della campagna elettorale dove, in cambio di qualche ora assegnata a new entry, si cerca di barattare voti per il PD che, giova ricordare, è il governo che ha distrutto la Formazione Professionale siciliana. L’affermazione “La Sicilia sta diventando una regione “normale” che darà opportunità di lavoro ai formatori e di formazione agli studenti”, è totalmente falsa, almeno riguardo all’opportunità di lavoro offerta ai formatori, poichè giova ricordare al distratto assessore che, più di 5000 operatori del sistema sono stati espulsi in virtù di faide tra correnti avverse di partito e ignorando e calpestando l’intera normativa che governa il settore”.

“L’Avviso 8 (ex Avviso 3 ed ex Avviso 1) è ancora da più di un anno fermo ai nastri di partenza, messo in discussione da decine e decine di ricorsi al TAR di cui, ancora oggi, non si conosce l’esito. I controlli sbandierati dall’assessore che ha investito la GDF e i Carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro sono, alla data odierna, assolutamente inesistenti anche perchè diverse segnalazioni pervenute al Dipartimento sono state totalmente ignorate”.

“Inoltre il dato del 70% dei giovani che ha completato un percorso formativo e ha trovato sbocchi lavorativi è alquanto strano, considerato che la macchina della Formazione Professionale in Sicilia è ferma da almeno due anni per incapacità del governo regionale e sopratutto  dell’assessorato al ramo.  Invito l’assessore a passare dalle belle parole ai fatti, evidenziando che tutte le rassicurazioni e le promesse sono cadute nel vuoto e, cosa più importante, ricordo all’assessore Marziano che migliaia di famiglie siciliane sono state private del lavoro in barba alle leggi regionali che per primo il governo di cui l’assessore fa parte, ha puntualmente disatteso e ignorato”.

 

 

 

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *