breaking news

PEDIATRIA, BRIANTE ALZA IL TIRO

16 Settembre 2010 | by Redazione Webmarte
PEDIATRIA, BRIANTE ALZA IL TIRO
Sanità
0

Una lettera indirizzata alle più alte cariche dello Stato e della politica per chiedere ancora una volta e con una sempre maggiore forza l’istituzione presso l’ospedale Umberto Primo di Siracusa di un’unità di emergenza pediatrica che comprenda un pronto soccorso pediatrico, cardiologia pediatrica e rianimazione pediatrica. L’ha inviata nei giorni scorsi il comitato spontaneo “Gli amici di Miriana”, guidato da Gianni Briante, il consigliere provinciale che, insieme alla sua famiglia, è stato vittima alcuni mesi fa di un presunto caso di malasanità a causa del quale la figlia, allora una bimba di 5 mesi, ha lottato a lungo tra la vita e la morte ed è stata costretta ad un lungo calvario tra gli ospedali di Palermo, prima e di Milano, dopo.Il comitato, nei mesi scorsi, ha anche avviato una campagna lungo tutto il territorio provinciale, una raccolta firme per chiedere l’istituzione di tali indispensabili servizi. L’Umberto Primo, non solo non ne è dotato, ma al pronto soccorso non è in servizio nemmeno un pediatra. Eppure il piano sanitario regionale pare preveda la rianimazione pediatrica anche per Siracusa. “È impensabile- scrive il comitato nella lettera inviata – che una Provincia come quella di Siracusa che conta all’incirca 400.000 abitanti sia sprovvista di un’unità così importante.Ed e’ ancora più sconcertante che ogni qualvolta si presenta un’urgenza pediatrica, si debba attivare il 118  per il trasferimento dei nostri figli in altri Ospedali più attrezzati, con un aggravio di costi a carico del Servizio Sanitario.Tenendo ben presente, che i bimbi senza il primo intervento in strutture specializzate e con medici specializzati,  arrivano a destinazione il più delle volte in condizioni disperate”. Attualmente in tutti i presidi ospedalieri della  Provincia esistono reparti Utin,per bambini da 0 a 4 mesi e di rianimazione per adulti. Questo significa che ogni giorno i medici devono fare i salti mortali per recuperare posti letto in rianimazione pediatrica in altri ospedali per i bambini di età superiore ai 4 mesi. (flo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com