breaking news

PER UNA SERA GLI “INVISIBILI” PROTAGONISTI DELLA SCENA. GRANDE SUCCESSO DI “ALLA RI-SCOPERTA DELLE EMOZIONI- 3”

PER UNA SERA GLI “INVISIBILI” PROTAGONISTI DELLA SCENA. GRANDE SUCCESSO DI “ALLA RI-SCOPERTA DELLE EMOZIONI- 3”
Spettacolo
0

Anche se per poco sono stati proprio loro i protagonisti di una scena dalla quale normalmente vengono estromessi, sono gli utenti dell’Associazione “Onlus Progetto Icaro di Augusta” che ieri sera, si sono alternati tra canti ed originali coreografie sul palcoscenico del Teatro comunale di Augusta per uno spettacolo dal titolo “Alla Ri-scoperta delle Emozioni”, rappresentazione giunta alla sua III Edizione. Abilmente e amorevolmente guidati dagli operatori di Icaro, ragazzi e ragazze, pur scontrandosi con le loro emozioni, si sono messi in gioco attraverso la nobile ed antica arte del teatro per una serata all’insegna della solidarietà e della spensieratezza. Musicisti, poeti, cantanti e, “Il coro Polifonico Anthea Odes, originali coreografie, coordinati dall’autrice Angela Scatà e dalle volontarie dell’associazione, a tutto ciò si è potuto assistere nel corso della serata presentata da Mauro Italia. Era gremita di gente la sala. Lo spettacolo molto variegato, si è presentato pregno di protagonisti augustani, tanti giovani talenti. Il “Progetto Icaro” nasce dalla volontà di far conoscere alla cittadinanza gli “invisibili”, i diversamente abili. Si tratta di un progetto che mira a creare integrazione per i disabili, al fine di essere considerati delle risorse piuttosto che dei pesi per la società. Alla grande kermesse, gli artisti hanno goduto di piena libertà nella scelta delle opere da proporre. Enzo Toscano, Presidente dell’Associazione “Onlus Progetto Icaro di Augusta” ha dichiarato: ” I protagonisti di questa serata sono i ragazzi della nostra associazione che si prefigge l’inclusione sociale. Il nostro obiettivo è quello di farli uscire dalle loro case, dal ghetto in cui la natura in un certo senso li ha destinati, per farli incontrare con i soggetti normodotati, per poter dare loro una possibilità di visibilità. Si esibiscono su un palcoscenico per riappropriarsi di una scena solitamente gli viene tolta.  Insieme a loro, -ha continuato- cresciamo anche noi, perché tutte le emozioni che loro riescono a trasmetterci, noi le facciamo nostre e ciò ci permette di migliorare il nostro rapporto con gli altri”. Toscano spiega poi a quale scopo risponde tale iniziativa: “Lo scopo è quello di farli liberare delle loro emozioni, di farle trasmettere e dimostrare alle gente che c’è una realtà alternativa, una realtà che potrebbe toccare pure a noi. Per cui prepararci già da adesso, può voler dire arrivare preparati verso un mondo sconosciuto, fatto però di amore e di inclusione”. Sono tanti gli utenti dell’associazione a detta del presidente: “Attualmente il bacino di utenza è di 25 ragazzi diversamente abili e altrettanti normodotati che si integrano nel progetto. Quello teatrale è il clou del progetto, ma durante l’anno abbiamo fatto anche corsi di pittura, cucina, economia domestica”. Non sono mancati gli ospiti d’eccezione, tra i quali: Anna Passanisi del Piccolo Teatro di Catania, Davide Sborgiò, attualmente in scena con “L’Avaro” di Molière e Pippo Pattavina, e il violinista Vincenzo Di Silvestro che ha collaborato e collabora tuttora con il gruppo milanese “De la Crus”. (Ilenia Ferraguto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com