breaking news

PESSIMA QUALITA’ DELL’ARIA

PESSIMA QUALITA’ DELL’ARIA
Attualità
0

Continuano gli episodi di inquinamento atmosferico a Priolo. Questa mattina gli abitanti del comune della zona industriale si sono svegliati allarmati per il cattivo odore proveniente dagli stabilimenti. Un fenomeno ricorrente in questi giorni, reso ancora più pesante a causa dell’afa. Ieri e stanotte i cattivi odori sarebbero stati avvertiti non solo in tutto il territorio priolese, ma anche a Belvedere e Città Giardino e in alcune zone di Siracusa.  Su questo argomento è intervenuto oggi il circolo locale di Legambiente che ha parlato di sostanze imprecisate e irritanti, mentre dalla rete CIPA si è saputo che si sono superati i limiti per H2S  ( acido solfidrico )  parecchie volte. E’ chiaro – dice l’associazione ambientalista – che per i cittadini del polo petrolchimico di Priolo-Melilli si prepara una stagione estiva pesante dal punto di vista ambientale. Legambiente chiede agli organi competenti quali interventi sono stati attuati per limitare e fermare questo stillicidio ambientale che rende la vita delle persone inaccettabile e se è stato attivato il codice di autoregolamentazione previsto dalle leggi regionali in casi di superamenti delle soglie di inquinanti. Si chiede ancora di conoscere quali e quante sostanze sono state rilevate dalle reti di monitoraggio della provincia regionale di Siracusa tra il 13 e oggi, e di istituire un presidio permanente 24 ore su 24 con sede a Priolo che in costante collegamento e coordinamento con i centri di monitoraggio ambientale operi da interfaccia con la cittadinanza, la informi costantemente sulla qualità dell’aria e la allerti in casi gravi. Legambiente ricorda infine che tutto ciò è stato denunciato sulla base anche dei dati emersi dal Rapporto annuale della Provincia regionale di Siracusa 2009 da dove si evince che si è ancora ben lontani dal raggiungimento di obiettivi accettabili di qualità dell’aria e sono ben evidenti le situazioni critiche che destano preoccupazione sia per la loro conclamata cronicità, sia per ulteriori timori e fastidi arrecati alla popolazione e ai lavoratori del triangolo industriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com