breaking news

PRENDE A COLPI DI STAMPELLA MEDICO

18 Novembre 2010 | by Redazione Webmarte
PRENDE A COLPI DI STAMPELLA MEDICO
Cronaca
0

Non è la prima volta che al pronto soccorso dell’ospedale Umberto Primo di Siracusa si verificano episodi del genere. Pazienti in attesa di essere visitati, snervati dai tempi lunghi, vanno in escandescenza e sfogano la loro rabbia contro oggetti o contro il personale sanitario in servizio in quel momento. È proprio questo quanto accaduto ieri nella struttura sanitaria di via Testaferrata, ma questa volta la vicenda è sfociata nell’arresto di un uomo, Riccardo Bellomia, 45 anni, di Canicattini, che deve adesso rispondere di lesioni gravi ed aggravate. L’uomo si trovava in sala d’attesa per una ferita alla gamba riportata a seguito di una caduta. Stanco di aspettare sarebbe andato su tutte le furie e, dopo avere forzato la porta di ingresso dell’area a cui si accede per essere sottoposti a visita, avrebbe inveito contro un medico in servizio, scagliandogli contro un colpo di stampella e causandogli un trauma addominale e la frattura di una costola. L’intervento tempestivo da parte dell’agente del posto di polizia che si trova proprio di fronte all’ingresso del pronto soccorso avrebbe scongiurato conseguenze più serie. Bellomia è stato infatti subito immobilizzato e successivamente sono scattate le manette ai suoi polsi. Al di là del fatto di cronaca, torna alta l’attenzione su una situazione, quella che riguarda i tempi di attesa al pronto soccorso dell’Umberto Primo, più volte evidenziata, dagli utenti come dal personale sanitario, spesso insufficiente a garantire celerità. Il triage, il sistema cioè dei codici in base ai quali, valutata la gravità del problema, i pazienti vengono visitati, con priorità evidentemente diverse, registra spesso “impantanamenti”, questo anche per la mancanza a tutt’oggi, sebbene ne fosse stata annunciata l’istituzione, di un posto di guardia medica all’ospedale, a cui dovrebbero rivolgersi quanti accusano sintomi lievi o intendono sottoporsi a visita per casi che non prevedono interventi d’urgenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com