breaking news

PRG,ANCORA POLEMICHE.AFFONDO DI LO BELLO

PRG,ANCORA POLEMICHE.AFFONDO DI LO BELLO
Attualità
0

 

Non accenna a placarsi la polemica sulle modifiche al Piano regolatore generale di Siracusa , che vede contrapposte, da una parte le associazioni a tutela del territorio, che si sono riunite in un “cartello” e dall’altra una parte dei rappresentanti delle istituzioni e, in primo luogo, il ministro Prestigiacomo. Oggi, ennesima presa di posizione, da parte di Don Rosario Lo Bello del centro studi Davide contro Golia, che contesta aspramente le ultime dichiarazioni rilasciate dal ministro dell’Ambiente su questa vicenda. Prestigiacomo, la scorsa settimana, ha puntato l’indice contro i toni usati, troppo duri secondo lei. L’esponente del Governo Berlusconi ha parlato di un modo barbaro e incivile di fare politica e difesa del territorio ed ambiente »,  «processi alle presunte intenzioni, porcherie». Altrettanto veemente la replica di Lo Bello. “Si accusa qualcuno in modo abbastanza generico di essere ipocrita- sostiene – tentando così di squalificare un po’ velatamente le attuali obiezioni al PRG. Non ci si rende conto così che il movimento ambientale della nostra città nasce da voci tra di loro assai eterogenee. Da sinistra e da destra, da giovani e da adulti, da laici e da cattolici (come quelli di Davide contro Golia: praticanti, antiabortisti, antimoderni), da siracusani espatriati alla ricerca di un lavoro, e da siracusani che da soli faticosamente tirano avanti la propria vita in questa città indifferente”. Poi Don Lo Bello aggiunge altre considerazioni. “Avrei preferito sapere dal ministro della Repubblica – sostiene l’esponente del centro studi Davide contro Golia – cosa  ne pensa di un gigantesco villaggio turistico sull’area marina protetta da ella stessa inaugurata e contiguo ad un sito di interesse comunitario, senza che all’approvazione del PRG vi sia stata alcuna valutazione di incidenza ambientale e cosa ne pensa di una distesa di cooperative sopra l’Eurialo, divenuta negli anni recenti ‘zona rossa’ dell’Unesco”. (flo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com