breaking news

PROCLAMATO LO SCIOPERO DEI PULIZIERI DELLA MARINA MILITARE DI AUGUSTA

PROCLAMATO LO SCIOPERO DEI PULIZIERI DELLA MARINA MILITARE DI AUGUSTA
Sindacale
0

Tornano a manifestare oggi, davanti la base di Terravecchia, gli addetti ai servizi di pulizia della Marina Militare di Augusta, che  ha comunicato con decorrenza 1 aprile un ulteriore taglio delle ore per gli addetti ai servizi di pulizia e sanificazione quantificato dalla ditta appaltatrice Pulisystem nel 36 % delle ore, che sommati ai precedenti tagli sofferti, porta ad una riduzione di oltre il 50 % del salario dei lavoratori dalla data di immissione nell’appalto.
La Filcams CGIL di Siracusa che rappresenta la totalità dei lavoratori, ha già chiesto l’intervento della Prefettura di Siracusa coinvolgendo anche l’ammiragliato, ma l’unico risultato è stata l’apertura della procedura di licenziamento per 40 addetti per le basi di Catania, Augusta e Messina che interesserebbe almeno 20 lavoratori dell’appalto di Augusta.
“Di fronte all’atteggiamento arrogante della Pulisystem ed alla superficialità della Marina Militare, la proclamazione di questa prima giornata di sciopero con la manifestazione, è il primo segnale di una lotta che se pur difficile, vede la totalità dei lavoratori uniti contro questa politica che tende a scaricare tutto sulle spalle dei lavoratori, che hanno ricevuto la solidarietà della cittadinanza di Augusta in occasione dell’attivo cittadino della CGIOL tenuto ieri (21 aprile) a Palazzo San Biagio.
 Il movimento dei lavoratori dell’appalto della Marina Militare torna a manifestare per il mantenimento dei livelli occupazionali. La Marina Militare di Augusta continua ad inaugurare nuovi locali all’interno della base, in ultimo una nuova mensa per 900 posti, e di contro continua a tagliare nel settore delle pulizie, con il risultato che i lavoratori vedono aumentare il lavoro e di contro devono subire il taglio delle ore dedicate. L’atteggiamento arrogante della Pulisystem che invece che ricercare il dialogo con i lavoratori e con il sindacato, assume atteggiamenti di totale chiusura, è indice della volontà di tentare di uscire dall’appalto costringendo la Marina Militare a risolvere il contratto”, questa la dichiarazione di Stefano Gugliotta segretario Generale Filcams CGIL Siracusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com