breaking news

RADAR ANTI-MIGRANTE:700 FIRME PER DIRE “NO GRAZIE”

10 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
RADAR ANTI-MIGRANTE:700 FIRME PER DIRE “NO GRAZIE”
Attualità
0

Sentita adesione da parte dei cittadini di Melilli, Villasmundo, Priolo Gargallo, Augusta e Siracusa, alla petizione popolare, promossa dal Movimento Difesa del Cittadino, denominata “Radar anti-migrante – Antenne telefonia mobile nel centro di Melilli. No Grazie”. Più di 700 cittadini hanno sottoscritto la petizione che è stata depositata al Comune di Melilli. Ricordiamo che il radar anti-migranti era stato installato nella riserva naturale del Plemmirio  a Siracusa e dopo le proteste dei cittadini era stato destinato ad altre zone. Proprio l’ex ministro Prestigiacomo aveva asserito che il radar sarebbe stato trasferito lontano dai centri abitati, invece pare che sia stata individuata, per la nuova installazione, l’area a più alto rischio ambientale,  nelle prossimità dei centri abitati di Melilli, Priolo Gargallo ed Augusta, in località Cugnicello Palombara in territorio di Melilli. Il triangolo industriale a più alto tasso di inquinamento, continua ad “arricchirsi” di ritrovati che non fanno altro che incrementare il già alto indice di inquinamento, in questo caso quello prodotto da onde elettromagnetiche. Segnale forte dunque quello della popolazione del territorio che “non si vuole arrendere – questo quanto affermato dal Movimento in una nota – nonostante abbiano già installato il radar e le antenne”. I sottoscrittori della petizione hanno aderito in maniera consapevole, perché a conoscenza dei possibili danni alla salute che questi emittori di elettrosmog potrebbero causare e perché indignate dal fatto che si voglio ancora più rovinare un già precario ecosistema. Una nota di rammarico è stata espressa dal Movimento verso l’amministrazione comunale di Melilli “che non è riuscita – questa la dichiarazione del Movimento – a raccogliere l’invito del Movimento a Difesa del Cittadino ed a partecipare all’evento, negandone addirittura l’esistenza”.

Silvana Baracchi            

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com