breaking news

RIUNIONE TRA POCHI INTIMI SUL MUSCATELLO

RIUNIONE TRA POCHI INTIMI SUL MUSCATELLO
Sanità
0

“L’ospedale Muscatello di Augusta non verrà chiuso, né depotenziato”. Una voce fuori dal coro quella del deputato regionale del Movimento per l’autonomia, Pippo Gennuso,che alle forti preoccupazioni espresse da più parti, in ambito politico e non, risponde con previsioni ottimistiche. A farlo propendere per questo atteggiamento sarebbe stato un incontro nella sede dell’assessorato regionale alla Salute,a Palermo fra lo “stato maggiore” del Mpa ed il direttore generale alla Salute, Maurizio Guizzardi. Una riunione a cui avrebbe preso parte il dirigente dell’Asp di Siracusa, Franco Maniscalco, oltre a Gennuso, il presidente del consiglio comunale di Melilli , Jano Sbona e il capogruppo autonomista al consiglio comunale di Augusta, Giulio Morello, oltre ad altri consiglieri. Guzzardi avrebbe annunciato lo stanziamento di 12 milioni di euro per completare il nuovo padiglione dell’ospedale e per nuove apparecchiature. Ribadita comunque l’intenzione di “integrare” il Muscatello all’ospedale di Lentini come “ottimizzazione dell’offerta sanitaria, razionalizzando le risorse, umane e tecniche”. Prevista un’intesa con la Casa di Cura accreditata Villa Salus, “in modo da completare l’offerta sanitaria per il bacino d’utenza con alcune alte specialità già presenti nella struttura”. Proposta presentata come un “virtuoso modello di integrazione tra pubblico e privato”, nulla di nuovo in realtà rispetto a quanto il territorio già sa e teme. Questione di punti di vista, insomma, di interpretazione dello stesso fatto. Posticipato di due anni,invece,  ancora secondo le novità emerse dall’incontro e di cui riferisce Gennuso,lo spostamento dell’unità di Ginecologia e Ostetricia. Dall’incontro sono stati esclusi i rappresentanti del comitato che si è appositamente costituito a difesa del Muscatello e gli amministratori locali, cosi’ come gli esponenti di altre forze politiche impegnati nella battaglia per l’ospedale. Lunedi mattina proprio ad Augusta si sposterà l’intero consiglio provinciale con all’ordine del giorno questa vicenda. Intanto il 18 aprile, sciopero dei lavoratori del settore rimorchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com