breaking news

Roma | A “C’è posta per te” le figlie chiudono la busta al padre

22 Gennaio 2023 | by Redazione Webmarte
Roma | A “C’è posta per te” le figlie chiudono la busta al padre
Attualità
'
0

Durante la puntata della popolare trasmissione condotta da Maria De Filippi, in onda nella prima serata del sabato su Canale 5, la storia di Pasquale e delle figlie che non vede da anni.

La storia di Pasquale, il suo tentativo di riconquistare l’affetto delle figlie e il successivo rifiuto di aprire la busta da parte di queste ultime, ha monopolizzato l’attenzione dei telespettatori.

L’uomo non aveva contatti da sei anni con i tre figli Cristina, Stefania e Matteo. Un rapporto incrinatosi dopo la fine del suo matrimonio, durato nove anni, dopo aver scoperto di essere stato tradito dalla moglie. In un primo momento prova a stare vicino ai figli, ma decide di ritornare nella sua città natale, Napoli, dopo aver perso il lavoro e saputo che la sua ex moglie si era nel frattempo legata ad un altro uomo.

La goccia che ha fatto traboccare il tutto è stata una telefonata, nella quale Pasquale viene a sapere dell’imminente sacramento della comunione del figlio, senza essere stato avvisato. Segue un pesante litigio con la figlia che spinge Pasquale a non cercarle più loro, attendendo un loro contatto che non arriverà.

Decide così di scrivere a Stefania, Cristina e Ciro, compagno dell’ex moglie, che le sue figlie chiamano “papà”. Pasquale in lacrime ringrazia Ciro per aver accudito le sue figlie e di aver fatto da padre a loro, con l’intenzione di non invadere la loro vita ma solo di riallacciare il rapporto con loro.

Le figlie, pur perdonando e accettando le scuse, non riescono ad aprire la busta ma danno la possibilità a Pasquale di avere il loro numero di telefono, lasciando una porta aperta a una possibile riconciliazione futura.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 758

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *