breaking news

Palermo| RUSSO AVVIA IL PROGETTO PER L’INSERIMENTO LAVORATIVO DEI SOGGETTI DOWN

11 Febbraio 2012 | by Redazione Webmarte
Palermo|  RUSSO AVVIA IL PROGETTO PER L’INSERIMENTO LAVORATIVO DEI SOGGETTI DOWN
Sanità
0

E’ operativo all’interno dell’assessorato regionale della Salute un progetto pilota per l’avviamento al lavoro di quattro giovani down (tre ragazzi e una ragazza) ai quali sono stati affidati compiti di accoglienza e comunicazione. I ragazzi, Fabiola Carabillo’, Francesco Gliubizzi, Giuseppe Lupo e Francesco Arena sono divisi tra le sedi dei due dipartimenti dell’assessorato. Per loro e’ previsto un impegno di tre ore al giorno, dal lunedi’ al venerdi’. A seguirli nella loro attivita’ ci sono due tutor, Mauro Burgio e Marcella Rizzo, e una psicologa, Daniela Raineri, messi a disposizione dall’Associazione Famiglie Persone Down di Palermo.
L’associazione dei familiari, nel corso di un incontro avvenuto qualche settimana fa, aveva esposto la necessita’ di accompagnare l’attivita’ del Centro di riferimento per i Down – istituito con decreto dell’assessore gia’ un anno fa – spiegando come, finita la scuola, per i ragazzi down ci sia il rischio di perdere le competenze sociali acquisite perche’ manca un tessuto che li accolga.
“Credo molto in questo progetto – ha commentato l’assessore regionale per la Salute, Massimo Russo, che ha fortemente voluto portare avanti questa iniziativa – e sono convinto che aprira’ la strada ad altre iniziative del genere, magari da estendere ad altre aziende sanitarie della regione o in altri uffici pubblici della Regione siciliana. Il progetto sta dando ottimi risultati considerato che i ragazzi sono molto gentili, disponibili e comunicativi e svolgono compiti di assoluta utilita’ come la distribuzione della posta, le fotocopie, la scannerizzazione di documenti, l’accompagnamento dei visitatori nei vari uffici e la illustrazione al pubblico di progetti socialmente utili come ad esempio “Farmadono”, il progetto per donare farmaci non piu’ in uso in modo che possano essere utilizzati dai meno abbienti con l’ausilio dei servizi farmaceutici delle Asp. E’ un modo serio per aiutare questi giovani ad aiutarci, per favorire la cultura dell’integrazione nel rispetto delle diver se abilita’ di ciascuno”. “Riconosciamo all’assessore Russo un diverso modo di affrontare i problemi – ha detto il presidente dell’Associazione Famiglie Persone Down, Giuseppe Rocca -, noi siamo entrati con una richiesta e ne siamo usciti con una proposta! L’assessorato ha istituto il Centro, coordinato dalla dottoressa Maria Piccione, di cui si sentiva forte bisogno per meglio programmare l’attivita’ che fino all’anno scorso viveva di progetti annuali che non garantivano continuita’ assistenziale. Le direzioni aziendali di Villa Sofia Cervello e Asp stanno operando per razionalizzare e migliorare l’accesso alle cure: adesso puntiamo, per esempio, a far fare gli esami di routine tutti in unico giorno, alleggerendo il peso delle famiglie. Speriamo che altre istituzioni abbiano la stessa sensibilita’ e possano prevedere l’inserimento lavorativo di questi ragazzi”.
“Per loro – dice Rosalia Spinnato, uno dei genitori – e’ importante non disperdere quel patrimonio di competenze sociali costruito giorno per giorno a scuola. Un progetto di inserimento professionale ne aiuta lo sviluppo e la crescita dell’autonomia, importantissima per il “dopo di noi”, nella speranza che al percorso sanitario si possa accostare al piu’ presto un percorso sociale di inclusione, anche lavorativa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com