breaking news

SANTANELLO: “L’AUGUSTA PUNTA IN ALTO, MA E’ IN CRISI ECONOMICA. SIAMO IN DIFFICOLTA'”

3 Dicembre 2011 | by Redazione Webmarte
SANTANELLO: “L’AUGUSTA PUNTA IN ALTO, MA E’ IN CRISI ECONOMICA. SIAMO IN DIFFICOLTA'”
Sport
0

Ancora una sfida cruciale per l’Augusta che ha perso la strada della vittoria. Il Pescara di certo è un avversario ostico che ha cominciato male il campionato, ma che viene dalla scorsa stagione con il titolo di vice campione d’Italia. Una squadra capace di perdere con le piccole in casa e vincere con le grandi fuori. Un avversario dunque da non sottovalutare che può contare sull’ esperienza di Fornari e Zanetti e la rapida di Nicolodi.
L’Augusta quindi dovrà giocare una partita attenta ed equilibrata ma votata di certo in attacco per cercare di portare a casa i tre punti che mancano da troppo tempo.
Alla vigilia della cruciale sfida con gli abruzzesi il presidente Santanello rilancia il suo club e si sfoga sulla mancaza di fondi per le società sportive.

“Non vogliamo recitare il ruolo di comparsa – attacca subito il presidente Giovanni Santanello – vogliamo essere grandi protagonisti della stagione di ritorno. Il nostro obiettivo è terminare il campionato dalla metà classifica in su. Sarà difficile, gli avversari sono agguerriti e non possiamo più sbagliare , ma crediamo confermando l’ossatura della squadra passata e rinforzando con tre nuovi innesti mirati, di poter avere le carte in regola per giocare contro chiunque.
Siamo in difficoltà. Niente a che vedere con le partite perse o i giocatori di basso livello tecnico, ma, più semplicemente, si fatica a portare avanti la squadra. Questa è l’ Augusta che avete visto in campo, un’Augusta fatta di crisi, di tagli, di costi più elevati, di introiti minori, anno dopo anno hanno creato questa situazione molto complessa, che non è la semplice discesa in classifica che vediamo on line.
Il presidente Giovanni Santanello continua con la sua analisi – “Aziende private in crisi, e i primi tagli sono sulle sponsorizzazioni, enti pubblici in difficoltà, e i primi tagli sono sui contributi allo sport, la provincia con i suoi tre assessori augustani non ci ha mai dato un Euro. I costi fissi di palestre, campi e strutture, sono sempre più elevati e i conti, già a metà stagione, non tornano più.

Da qui diventa abbastanza evidente che far quadrare i conti è impossibile.
Per non far morire la nostra attività portando ad Augusta questi tre giocatori stiamo facendo un ultimo sforzo perché teniamo ai nostri pulcini, alla nostra squadra nazionale di disabili, alle mamme e ai papa’ che tifano per i loro ragazzi, ma se anche questo sforzo sarà vano, saremo costretti anche noi a dare l’ultimo saluto alla nostra Augusta. Questo è un appello a tutta la società civile , a dirigenti che vorranno unirsi a noi, a chiunque ami lo sport . Un appello per non finire.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com