breaking news

SCIOPERO DEI LAVORATORI DEGLI APPALTI DI PULIZIA DELLA MARINA MILITARE:A PAGARE NON PUO’ ESSERE SEMPRE IL LAVORATORE

SCIOPERO DEI LAVORATORI DEGLI APPALTI DI PULIZIA DELLA MARINA MILITARE:A PAGARE NON PUO’ ESSERE SEMPRE IL LAVORATORE
Sindacale
0

Proclamato dalla Segreteria Regionale Sicilia Filcams, lo sciopero che questa mattina ha visto davanti alla base di Terravecchia di Augusta, la concentrazione dei lavoratori degli appalti di pulizia della Marina Militare di Augusta, Catania e Messina per tutti i turni di lavoro. La proclamazione dello sciopero è il risultato del mancato accordo con la ditta appaltatrice dei servizi, Generservice di Avellino, che ha comunicato ai lavoratori il taglio del 10% dell’orario di lavoro a decorrere dal 1° maggio, per intervenute modifiche unilaterali del contratto da parte della Marina Militare. Filcams CGIL Sicilia ha dichiarato la netta opposizione ad ulteriori tagli del salario dei lavoratori. Dichiarazione congiunta di: ” I tagli operati dallo Stato Maggiore della Marina al settore delle pulizie per fare piacere al Ministro Tremonti, hanno effetti drammatici per centinaia di lavoratori dell’appalto, che oggi portano a casa poche centinaia di euro di salario.  Da parte della Marina Militare si sta attuando una sorta di scaricabarile sulla responsabilità di questi tagli, con il risultato che poi chi paga è sempre la parte più debole della catena: il lavoratore. Chiediamo con determinazione l’apertura di un tavolo istituzionale” hanno dichiarato Monica Genovese Segretaria Regionale Filcams Sicilia, Stefano Gugliotta, Salvatore Leonardi, e Carmelo Garufi  Segretario Provinciale Filcams Siracusa, Catania e Messina (I. F.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com