breaking news

SCIOPERO DEI VIGILI DEL FUOCO

SCIOPERO DEI VIGILI DEL FUOCO
Sindacale
0

Domani i Vigili del Fuoco della provincia di Siracusa e quelli del resto della Sicilia incroceranno le braccia per quattro ore, dalle 10 alle 14. A indire la protesta, le federazioni di categoria di Cgil, Cisl e Uil nell’ambito dello stop nazionale deciso dai sindacati per il mancato rinnovo del contratto di lavoro, scaduto da trenta mesi, e per la carenza di uomini e mezzi. Tanto che Giovanni Saccone, segretario della Fns Cisl Sicilia, denuncia le “insufficienze in cui ci troviamo a operare, in particolare nella stagione dell’esplosione degli incendi”. I pompieri puntano il dito contro il maxiemenedamento del governo nazionale alla manovra finanziaria che, “con un colpo di spugna, ha cancellato la prevenzione incendi”. Si tratta, sostengono, di una “decisione scellerata e irresponsabile” che “privatizza una competenza fondamentale dello Stato”. Inoltre, per effetto dei tagli alle risorse apportati dalla manovra finanziaria, “c’è il rischio che nei prossimi mesi i mezzi di soccorso rimangano nelle autorimesse per assenza di carburante”. In pratica, denuncia Saccone: “il governo non adegua l’organizzazione dei vigili del fuoco, non riconosce il carattere usurante del lavoro dei pompieri né assicura ai lavoratori la retribuzione che meritano”. Per di più, non dà corpo, per la Sicilia, allo “status di insularità” che dovrebbe tradursi in “garanzie sul fronte dell’autonomia dei soccorsi”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com