breaking news

SCONFITTO IL CAGLIARI 5 A 4, L’AUGUSTA RESTA IN SERIE A

SCONFITTO IL CAGLIARI 5 A 4, L’AUGUSTA RESTA IN SERIE A
Sport
0

Missione compiuta per l’Augusta che conquista la salvezza e al fischio finale può festeggiare con il suo pubblico. La partita è stata condizionata dal largo risultato dell’andata (6 – 2) in favore dei megaresi.  Si mette subito bene per la squadra del presidente Fabio Vella che, dopo vari tentativi ben neutralizzati da Redivo soprattutto nei due minuti di superiorità per l’espulsione di Munoz (al 4′) reo di aver dato un pugno sul volto a Saiotti, trova il vantaggio con il positivo Vilela che sfrutta al meglio un assist di capitanTosta. Mister Podda a questo punto tenta subito, siamo al 9′ del primo tempo, la mossa della disperazione schierando il portiere di movimento, ma la tattica non sortisce gli effetti sperati e ad approfittarne è anzi la formazione nero verde che con il bomber Fortino raddoppia. Addirittura Falcone dalla propria porta ha la possibilità di triplicare ma la palla, dopo aver dato la sensazione di entrare in rete, rotola sul fondo a fil di palo.

Nonostante il gol subito il Cagliari continua con la sua azione del portiere di movimento e Zancanaro accorcia le distanze approfittando della superiorità numerica creatasi nella sua zona del campo. L’allenatore Rizza chiama il time-out e l’Augusta non sembra subire alcun contraccolpo ed anzi ristabilisce le distanze ancora con Fortino, trentatreesimo gol per il capocannoniere del campionato,  chiudendo così la prima frazione di gioco sul 3 a 1.

Nella ripresa, la squadra di Podda continua l’assalto disperato ma la difesa megarese, ben registrata in campo da Tosta, Fortino e Belem, tiene i cagliaritani a distanza di sicurezza che quando riescono a tirare in porta trovano sempre uno straordinario Falcone pronto alla parata. Negli ultimi sette minuti il Cagliari ha uno scatto d’orgoglio che porta i sardi addirittura in vantaggio, con due reti di Lastrucci e una di Zancanaro, ma manca davvero poco per poter pensare di ribaltare le sorti della doppia gara. Anzi sono i neroverdi, a cui potrebbe bastare anche una sconfitta con quattro gol di scarto, a trovare la forza per capovolgere il risultato con un gol del fuoriclasse Merlim, straordinaria anche oggi la sua prestazione, e con il quarantesimo gol stagionale di Fortino (34 con l’Augusta, 6 in Nazionale) su calcio di rigore decretato dall’arbitro Barbieri per fallo di Lastrucci, espulso nell’occasione, sullo stesso bomber della nazionale. A 45″ dalla fine il meraviglioso pubblico di casa si alza in piedi per applaudire i propri beniamini ed al triplice fischio è festa grande in campo e sugli spalti. Nella prossima stagione, l’Augusta sarà dunque per la 19a volta consecutiva ai nastri di partenza del massimo campionato nazionale di calcio a 5 a rappresentare la città di Augusta, la provincia di Siracusa e l’intera Sicilia.

Così il sindaco di Augusta, Massimo Carrubba, presente in tribuna: “Sono orgoglioso di essere tifoso di questa squadra che rappresenta la nostra Città, e non solo, a così alti livelli. Penso che il lavoro svolto dai dirigenti di questa Società, che definire straordinario è poco, debba essere supportato in maniera più importante. Diciannove anni di serie ‘A’ sono un patrimonio inestimabile da salvaguardare a tutti i costi”.   

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com