breaking news

SCOPERTO PICCOLO ARSENALE DEI CAMINANTI IN UNA TAVOLA CALDA.ARRESTATO ZU NINU

22 Gennaio 2011 | by Redazione Webmarte
SCOPERTO PICCOLO ARSENALE DEI CAMINANTI IN UNA TAVOLA CALDA.ARRESTATO ZU NINU
Cronaca
0

Nel corso di un servizio a largo raggio coordinato dal Comando Provinciale di Siracusa, i militari della Stazione di Priolo Gargallo hanno eseguito ieri alcune perquisizioni nel territorio compreso fra il comune di Priolo e quello di Melilli, Città Giardino. Un’operazione che ha visto impiegati circa 15 uomini, su più obbiettivi: i Carabinieri coordinati dal Maresciallo Parisi hanno scoperto una piccola “Santa Barbara” dei Caminanti. Presso l’abitazione di Rasizzi Scalora Antonino, detto “Zu’ Ninu”, classe 1949, capostipite della famiglia Rasizzi Scalora, legata ai Caminanti di Noto – l’uomo è considerato personaggio di spicco di questa comunità –  i militari hanno trovato 3 fucili, una pistola e circa 200 munizioni di vario calibro. L’uomo, già noto alle forze di polizia per diversi reati, non ha opposto resistenza all’esecuzione delle operazioni, mal celando però una certa ansia allorquando i Carabinieri hanno fatto ingresso nell’area di poggio Carancino, nei pressi del distributore Agip, dove il Rasizzi aveva una tavola calda completamente abusiva. E proprio nei pressi della struttura recettiva i militari hanno trovato un prezioso e nuovissimo fucile cal. 12, per il tiro a volo, poi risultato rubato in provincia di Bergamo, un altro fucile cal.12 probabilmente provento di un altro furto in Calabria ed un fucile cal.8 senza marca e matricola. Oltre a questo, in una stanza, i Carabinieri hanno trovato anche una pistola cal.7.65 con matricola abrasa, fornita di due caricatori. I militari hanno quindi voluto approfondire anche l’aspetto dell’attività commerciale “pane condito”, scoprendo che era già stata oggetto di un precedente sequestro poiché abusiva: è per questo che l’uomo dovrà rispondere anche di violazione di sigilli, oltre che per aver ampliato ulteriormente la struttura, con altre superfici a loro volta abusive. Nella stessa area i militari hanno notato una villa in costruzione e, collaborati dal personale del Comune di Priolo Gargallo, hanno accertato che anche questa struttura, destinata ad uno dei membri della famiglia, era completamente priva di autorizzazioni. I Carabinieri hanno così posto i sigilli all’intera area di oltre 1500 mq, apponendo cartelli che delimitano l’intera proprietà. L’uomo, invece, è stato dapprima condotto presso la Stazione di Priolo e successivamente presso il Carcere di Cavadonna: per lui le accuse sono di detenzione illegale di armi, di cui due clandestine, e ricettazione..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com