breaking news

SECCO NO AL DEPOTENZIAMENTO DEL MUSCATELLO

SECCO NO AL DEPOTENZIAMENTO DEL MUSCATELLO
Attualità
0

Un segnale forte alla città di Augusta e di solidarietà sulla vicenda Muscatello. Il consiglio provinciale di Siracusa ha voluto spostarsi nel centro industriale per svolgervi una seduta straordinaria e monotematica, approvando infine un ordine del giorno. L’assemblea di via del Laberinto e il consiglio comunale si sono riuniti congiuntamente stamattina a Palazzo S. Biagio per opporsi al depotenziamento del Muscatello. Dopo un lungo dibattito il Consiglio Provinciale, presieduto da Michele Mangiafico, ha approvato un documento con il quale si chiede la revoca della riduzione dell’offerta sanitaria dell’ospedale e il potenziamento dello stesso.  Il Consiglio Comunale di Augusta però  non ha approvato il proprio documento poiché gran parte dei consiglieri hanno ritenuto inopportuno votarne un altro, sottolineando l’importanza dell’univocità del documento da presentare in aula. Secondo Giuseppe Di Mare, “avrebbe avuto senso votare un documento, solo se questo fosse stato uguale a quello della Provincia”. Il documento esprime “solidarietà e forza alla lotta dei concittadini di Augusta a difesa del diritto alla salute e al rispetto della legge regionale n. 5 art. 6 del 2009 che prevede ed identifica in Augusta area ad alto rischio ambientale e sanitario e che gli ospedali operanti nei siti ad alto rischio sia di incidenti rilevanti, che di crisi ambientali, debbano essere potenziati; condanna fortemente il depotenziamento in atto dell’ospedale Muscatello in antitesi a quanto previsto da norme e decreti vigenti; chiede la revoca di ogni provvedimento attuativo che riguarda la riduzione dell’offerta sanitaria presso l’ospedale; la piena attuazione di quanto previsto al comma 3 della legge regionale n5 del 14 aprile 2009, cioè la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi e negli ambienti di vita e di lavoro e il potenziamento di tutte le forme di assistenza territoriale e ospedaliera nelle zone industriali ad alto rischio ambientale”. Ad aprire il dibattito è stato il capogruppo del Pdl alla Provincia, Paolino Amato, evidenziando come Augusta abbia pagato un caro prezzo per l’industrializzazione. “Noi – ha detto- chiediamo che questa collettività non venga privata della sua struttura ospedaliera. Vogliamo il potenziamento e non il depotenziamento di questa struttura”. Subito dopo, il consigliere Nunzio Dolce, ha preso la parola per invitare il Presidente della Regione, Raffaele Lombardo e l’assessore regionale Massimo Russo a venire in Provincia per discutere delle vere strategie del governo regionale. Per Liddo Schiavo, invece, è stata importante la presenza di tutti i consiglieri in aula per la definizione di linee strategiche. L’intervento di Maurizio Ranno è stato finalizzato alla votazione di un unico documento da presentare. A seguire, gli interventi dei consiglieri Oddo, Spataro, Briante, e del parlamentare Pippo Gianni. Intervento anche del sindaco di Melilli, Pippo Sorbello, per la revoca del contestato decreto. “E’ ormai alto il livello di tensione sociale; mi auspico una rapida revoca del decreto, prima che l’ospedale venga totalmente smantellato”, queste le parole del primo cittadino augustano, Massimo Carrubba.Terminato il Consiglio, il sindaco Carrubba e il presidente Mangiafico, insieme ai consiglieri e agli assessori, si sono spostati alla Nuova Darsena, dove era presente anche il vice coordinatore regionale di “Forza del Sud”, Titti Bufardeci. Tutti uniti per manifestare sostegno ai lavoratori dei rimorchiatori “Augustea”, oggi in sciopero per 9 ore (dalle 07:00 alle 16:00) per dire NO al ridimensionamento dell’ospedale Muscatello. Ne è seguito un breve confronto tra il sindaco di Augusta ed alcuni cittadini, e il ringraziamento ai rappresentanti degli equipaggi dei rimorchiatori. Domani una delegazione della città, guidata dal sindaco, si recherà a Palermo, per un incontro con l’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo. 

ILENIA FERRAGUTO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com