breaking news

Siracusa| Albergatori pronti ad accogliere migranti: transfer, vestiti e alloggio

30 Gennaio 2019 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Albergatori pronti ad accogliere migranti: transfer, vestiti e alloggio
Cronaca
0

Noi Albergatori disponibile ad accogliere i 47 migranti della Sea Watch 3 in caso di sbarco immediato. Il presidente Giuseppe Rosano scrive cosi al Prefetto, al sindaco Italia e al comandante della Capitaneria.

Rosano di Noi Albergatori fa una doverosa premessa prima di dare aperta disponibilità ad accogliere i migranti della Sea Watch: “Tenuto conto che non è più ammissibile ritardare lo sbarco di 47 esseri umani, imprigionati all’interno della Sea Watch; da oltre 11 giorni le condizioni fisiche, psicologiche, di salute e anche igieniche dei migranti che si trovano a bordo della nave, sono messe a dura prova a causa delle ristrette libertà di movimento offerte dall’imbarcazione”. Di seguito il resto del testo integrale di Rosano al Prefetto, al sindaco e al comandante della Capitaneria.

“Trattasi di soggetti che hanno subito abusi, torture e malversazioni nei campi di detenzione in Libia, la sofferenza di minori, donne e uomini dopo una travagliata traversata in mare, dovuta alle avverse condizioni atmosferiche, si è manifestata in casi d’ipotermia, nonché in una mancanza di regolare alimentazione. Inoltre, che quello che più manca a queste gente, è l’aiuto immediato, il bisogno del calore umano, il diritto a un’esistenza dignitosa, il rispetto dei diritti umani.

giuseppe rosano

Come gesto di umanità e nel rispetto delle normative vigenti,senza alcuna volontà o interesse a violare la legislazione in materia di  sicurezza, né tantomeno attribuendoci competenze di valutazione e di decisione politica spettanti esclusivamente all’autorità competenti, l’associazione Noi Albergatori Siracusa, chiede al ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, al ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli e al ministro degli Interni Matteo Salvini deputati a gestire la delicata situazione umanitaria generata all’interno delle acque territoriali italiane e più specificatamente in prossimità delle sponde portuali del siracusano, di consentire all’associazione degli imprenditori alberghieri da me rappresentata, di predisporre a propria cura e spese di trasferire a terra con nostri mezzi di trasporto navale i 47 esseri umani, tra i quali 13 minori dei quali 8 non accompagnati, offrire ai migranti adeguato alloggio, il necessario vitto e l’occorrente vestiario fintantoché non sarà trovata l’adeguata soluzione politica a livello internazionale per la definitiva sistemazione di destinazione degli stessi migranti.

“Ove l’auspicata risoluzione della sistemazione e/o destinazione dei migranti in altri città italiane e/o straniere, nei termini e nelle condizioni dei trattati europei, dovesse ritardare o per qualsivoglia motivo non si trovi, Noi Albergatori Siracusa si assumerà oneri e costi – dopo l’avvenuto sbarco – per avviare i 47 migranti: all’apprendimento della lingua italiana, con specifici docenti; di assicurare ai minori non accompagnati una collocazione presso qualificate unità preposte; per individuare le attività più opportune e le modalità di svolgimento per soddisfare il Superiore Interesse del singolo minore. alla insegnamento della Costituzione Italiana; alla frequenza di corsi di addestramento per avviarli successivamente alle attività lavorative tipiche
dell’albergo; assunzione con contratto stagionale, nel rispetto del Contratto Collettivo Lavoro Aziende Alberghiere”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com