breaking news

Siracusa | Arrestato un cittadino egiziano che rientrava illegalmente in Italia

Siracusa | Arrestato un cittadino egiziano che rientrava illegalmente in Italia
Cronaca
'
0

Nella giornata di ieri, agenti della Squadra Mobile hanno arrestato un egiziano di 27 anni, per essere rientrato illegalmente nel territorio italiano dopo essere stato precedentemente espulso dal Prefetto di Catania nel febbraio del 2020.

L’arrestato faceva parte di un gruppo di 38 migranti intercettati nel pomeriggio di domenica scorsa mentre percorrevano a piedi la strada statale che collega la zona balneare al centro di Portopalo di Capo Passero. Gli stessi, a bordo di un’imbarcazione, erano giunti clandestinamente sulla spiaggia di Carratois di Portopalo di Capo Passero. Al termine delle incombenze di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente, l’egiziano è stato liberato e contestualmente a suo carico è stato autorizzato il nulla osta all’espulsione. Inoltre, agenti delle Volanti, nel corso di predisposti servizi finalizzati al controllo di soggetti che in città sono sottoposti a misure limitative della libertà personale, hanno denunciato tre persone per aver violato le disposizioni cui sono destinatarie.

Ad Avola, denunciata una donna che lasciava morire di fame e di sete un cane che teneva nella sua proprieta’. Un vicino di una donna di 60 anni, che abita in una casa nelle campagne di Avola, allarmato dal cattivo odore emanato dalla casa confinante, e constatando che da giorni non vedeva nessuno, ha chiamato la polizia di Stato. Gli agenti, giunti sul posto, con l’ausilio dei Vigili del Fuoco, sono entrati in casa ed hanno constatato che il cane, che la denunciata aveva in custodia, era morto di stenti da alcuni giorni, stante l’assenza per le ferie estive della sua padrona e la totale mancanza di cibo e di acqua. La donna è stata denunciata per aver abbondonato il suo cane procurandone la morte.

A noto |rubavano carrube in un terreno: denunciate tre persone. Nel pomeriggio di ieri, agenti del Commissariato di P.S. di Noto hanno denunciato tre persone, due uomini di 38 e di 54 anni ed una donna di 38 anni, tutti netini, per il reato di furto aggravato, il cinquantaquattrenne è stato denunciato, anche, per porto illegale di un manganello. In specie, a seguito di una richiesta di intervento pervenuta al NUE, per una segnalazione di furto in atto, perpetrato in un appezzamento di terreno, i tre soggetti venivano sorpresi in flagranza di reato proprio mentre si impossessavano di 80 chilogrammi di carrube, già opportunamente riversate all’interno di una cassetta e di un bidone di plastica. L’autorità Giudiziaria competente, debitamente informata dai Poliziotti del Commissariato, disponeva il deferimento in stato di libertà dei tre soggetti ed il sequestro preventivo del mezzo utilizzato per compiere l’azione delittuosa, poiché riconosciuto dal denunciate quale autoveicolo utilizzato in occasione di un altro furto di carrube, perpetrato ai suoi danni, nella giornata di domenica scorsa. Il frutti raccolti venivano, infine, riconsegnate al legittimo proprietario.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *