breaking news

Siracusa| Carabinieri mettono un freno allo spaccio

31 Ottobre 2017 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Carabinieri mettono un freno allo spaccio
Cronaca
0

Imponente operazione nella zona nord della provincia, da Augusta a Lentini a Franconfonte. Cinque gli arresti, i pusher pensavano alla coltivazione e alla vendita del “prodotto”. Coinvolto anche un assicuratore.

Stamattina in conferenza stampa i Carabinieri hanno illustrato le dinamiche di tutta l’operazione investigativa denominata “Mickeey Mouse”, dal soprannome di uno degli arrestati, che ha portato al fermo di cinque indiziati. Assicurati alle prime luci dell’alba alla giustizia cinque presunti spacciatori che avevano il compito di approvvigionare il territorio a nord di Siracusa, tra Lentini e Francofonte.

Cinque ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal Gip Michele Consiglio su richiesta del Pm Scavone e del Sostituto Vincenzo Nitti. Altre dieci persone sarebbero agli arresti domiciliari. Alla riuscita dell’oeprazione anche l’utilizzo dell’elicottero del 12° Nucleo Elicotteri Catania e delle unità cinofile del Comando Provinciale della Guardia di Finanza.

Gaeta Giuseppe – Circo Giuseppe

Le mire degli investigatori si sono concentrate all’indomani dell’arresto di Giuseppe Gaeta, nel 2014, colto in possesso di cocaina e di 1700 euro, probabile provento dello spaccio. I carabinieri hanno ascoltato le conversazioni risalendo cosi all’azione criminosa. Il “prodotto” veniva prima  coltivato e poi indotto nel mercato. Non solo marjuana ma anche cocaina e hashish.

De Luca – Castiglia – Giardina

Complice del Gaeta sarebbe stato Giuseppe Circo che di professione svolge l’attività di assicuratore. Nei loro incontri frequenti i due in realtà non avrebbero parlato solo di lavoro. Prova ne è il rinvenimento nell’ufficio di Circo da parte dei carabinieri di bilancini di precisione, sostanza da taglio, cocaina e marijuana.

A rifornire i due il francofontese Nicola De Luca, stessa cosa avrebbe fatto anche Sebastiano Castiglia, collegato a Cirino Giardina, presunto spacciatore di Francofonte e ritenuto anche coltivatore, con 2.300 piante sequestrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com