breaking news

Siracusa| Caravaggio “siracusano” venerdì su Rai 5

Siracusa| Caravaggio “siracusano” venerdì su Rai 5
Cultura
'
0

La puntata è stata girata a Siracusa e parlerà della vera natura del grande artista, in onda il 10 alle 21,15

Venerdì 10 marzo, alle 21.15 su Rai 5 e in streaming su Rai Play, andrà in onda l’undicesima puntata de “La vera natura di Caravaggio_La vita messa a nudo”, girata a Siracusa dalla Land produzioni. Autore del programma è Tomaso Montanari, il regista Luca Criscenti. La produzione ha girato a Siracusa il 24 e 25 ottobre dello scorso anno, con riprese al Teatro Greco e all’Orecchio di Dioniso, alla chiesa di Santa Lucia alla Badia, alla Fonte Aretusa, al Lungomare e tra le vie di Ortigia.

Caravaggio come non si era mai visto. Una monografia in dodici puntate di Tomaso Montanari ogni venerdì su Rai5 dal 16 dicembre scorso. Chi è stato, cosa è stato, Michelangelo Merisi da Caravaggio? In cosa fu rivoluzionario? Perché lo sentiamo ancora tanto vicino, urgente? Perché ci sconvolge ancora? E cosa si può dire oggi di un artista trasformato in icona pop da un mercato dell’arte che antepone il consumo alla conoscenza, il sensazionalismo allo studio approfondito e alla comprensione vera dell’arte e della storia? Domande alle quali Tomaso Montanari risponde in “La vera natura di Caravaggio”. Dodici puntate che – in modo inedito e scientifico – ripercorrono la vicenda biografica e artistica del pittore lombardo, attingendo alle fonti dell’epoca e agli scritti degli studiosi più attenti, senza mai cedere alla tentazione di clamorose rivelazioni, proponendo invece un’interpretazione originale, dell’artista, non priva di sorprendenti scoperte.

“Nessun artista della nostra storia – dice Montanari – ha saputo dire la verità con la forza e la coerenza di Caravaggio. Dire la verità sulla fragilità del nostro corpo, dire la verità sulla potenza del nostro sguardo, che può davvero cambiare il mondo. Seguiremo e conosceremo Caravaggio, anno per anno, opera per opera. Cercheremo di scoprire la vera natura di Caravaggio”. Per questo il programma, anche grazie a una fotografia in 4k, “entra” nelle tele, segue i tratti del pennello, legge i nessi con il contesto, che sia esistente o ormai perduto: le braccia di San Paolo tese al cielo, i piedi sporchi dei Pellegrini, il braccio levato del Cristo che chiama a sé Matteo, le labbra livide del Bacco, le gambe gonfie della Vergine morta, le dita di Tommaso che entrano nel costato di Cristo. La luce del suo studio che penetra nella tela, la frutta della Canestra, i riflessi sulle brocche, la bava dei cavalli, i drappi rossi, le ali degli angeli, le vesti strappate, e i tanti oggetti di scena.

E ancora, la bocca orrenda della Medusa, quella terrorizzata dell’Isacco, i tratti inconfondibili di Annuccia la Rossa, di Fillide Melandroni, della Lena, delle tante “bagasce” con cui Caravaggio dava un volto alle sue Maddalene e alle sue Madonne. I modelli, vecchi e giovani – Abramo, Pietro e Matteo, l’Amore vincitore e il San Giovannino – che tornano nei suoi quadri come presenze amiche, e vivissime. E i tanti autoritratti, in cui lo vediamo ai margini della tela, testimone di scene drammatiche, fino a dare il suo volto, in primissimo piano, al gigante Golia appena decapitato. Altrettante testimonianze di quel “coraggio della verità” a cui il pittore non ha mai rinunciato e che lo ha portato a vivere di stenti, a peregrinare per il mondo, fino a morire, solo, sulla spiaggia di Porto Ercole, ad appena 38 anni. Montanari racconta la rivoluzione pittorica di Caravaggio, il suo naturalismo, l’aderenza al vero, il gioco dei contrasti, le luci e le ombre, il rapporto tra i corpi e il potere. Ma anche il mondo della committenza, l’epoca in cui viveva, gli uomini e le donne di cui si circondava, i suoi nemici e coloro che lo hanno protetto. Sottolinea le relazioni di Caravaggio con gli artisti che lo hanno preceduto e immagina le suggestioni che ha lasciato a coloro che sono venuti dopo, in un gioco di continui rimandi e confronti.

Le “Carte” Una ricerca che porta ad ascoltare le flebili, ma decisive, voci delle carte d’archivio: l’atto di battesimo del Merisi nella Diocesi di Milano; il contratto che lo vede, giovanissimo tirocinante, nella bottega di Simone Peterzano a Milano; le note papali dell’Archivio Segreto Vaticano, i manoscritti della Biblioteca Nazionale di Malta, con la sua ammissione all’Ordine dei Cavalieri di San Giovanni e la successiva cacciata, quale “membro putrido e fetido”.

Ad accompagnare il racconto, le fonti del Seicento: le Considerazioni sulla pittura di Giulio Mancini, le Vite di Giovanni Baglione e di Giovan Pietro Bellori, le biografie settecentesche di De Dominici, sul soggiorno napoletano, e del Susinno, per il “Caravaggio siciliano”. Ma anche le interpretazioni del Novecento: su tutte la voce di Roberto Longhi. E, inevitabilmente, gli atti giudiziari: le inchieste e le sentenze dei tribunali, che hanno visto il Caravaggio protagonista di risse, aggressioni e duelli, fino all’omicidio di Ranuccio Tommasoni, che lo costringe a fuggire da Roma, inseguito da un bando capitale e condannato a non redimersi mai.

Le opere. Montanari analizza i quadri centimetro per centimetro, ne racconta la forma e la sostanza. Un’analisi della pittura come non è mai stata fatta. Siamo con lui nei luoghi di Caravaggio, nella Roma notturna della sua bohème, e davanti alle sue opere d’arte, nei musei, nelle chiese e nei palazzi, in un viaggio che ci porta in giro per il mondo, da Roma a Parigi, da Milano a New York, da Madrid a Kansas city, da Siracusa a Malta. Guardiamo le grandi pale d’altare romane di San Luigi dei Francesi, di Santa Maria del Popolo, di Sant’Agostino, le mezze figure dipinte per la committenza privata, e le opere che il nipote di papa Paolo V, Scipione Borghese, ha commissionato all’artista, o si è procurato, in modo più o meno lecito, quando Caravaggio ha lasciato Roma per scampare a una condanna a morte. Ma raccontiamo anche, per quanto possibile, le opere di Caravaggio purtroppo perdute per sempre: le tele distrutte da un’esplosione nella Berlino in fiamme del 1945 e la Natività di Palermo, rubata in una notte del 1969 dall’Oratorio di San Lorenzo.

I Luoghi. Ci ritroviamo di volta in volta dove le opere di Caravaggio sono ancora oggi, ma anche dove quelle tele non ci sono più: in una grande villa suburbana della Roma del Seicento, il Casino Ludovisi, dove si conserva l’unica pittura murale di Caravaggio; nelle grandi sale del piano nobile di Palazzo Madama e Palazzo Giustiniani, oggi sedi del Senato della Repubblica, ma già residenza dei grandi committenti romani del pittore, il cardinale Francesco Maria Del Monte e il marchese Vincenzo Giustiniani. Di fronte alle pareti su cui erano appesi, tra gli altri, I bari, oggi in Texas, il Suonatore di liuto di San Pietroburgo, l’Amore vincitore di Berlino. Entriamo nelle sale di Palazzo Mattei per raccontare la Cattura di Cristo, oggi a Dublino, e in Santa Maria della Scala, a Trastevere, per vedere la cappella in cui la Morte della Vergine del Louvre non è mai stata collocata. Percorriamo le navate delle chiese di Roma, Napoli, Siracusa, e della Concattedrale de La Valletta. Passeggiamo nei più grandi musei del mondo: gli Uffizi, la Pinacoteca di Brera, la Galleria Borghese, la Galleria Doria Pamphili, il Louvre, l’Ermitage, il Metropolitan, il Prado, la Gemaeldegalerie, il Thyssen Bornemisza, il Kunsthistorisches Museum, il Palazzo Reale di Madrid, fino al laboratorio di restauro della National Gallery di Londra. “La vera natura di Caravaggio” è prodotto da Land Comunicazioni per Rai Cultura. Regia: Luca Criscenti. Fotografia: Francesco Lo Gullo. Montaggio: Massimiliano Cecchini. Musiche: Giorgio Giampà. Produzione: Valeria Adilardi, Emanuela Tomassetti.

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com