breaking news

Siracusa | Caro energia. In provincia oltre 5.000 imprese sul lastrico

13 Gennaio 2023 | by Redazione Webmarte
Siracusa | Caro energia. In provincia oltre 5.000 imprese sul lastrico
Sindacale
'
0

Secondo Confartigianato Imprese Sicilia emergono preoccupanti fattori negativi che condizionano la crescita delle imprese e dell’economia locale.

“Il 2022 è stato un anno particolarmente difficile per le piccole e medie imprese ed i cittadini in Sicilia, ma soprattutto nella nostra provincia: guerra Russo-Ucraina, caro energia, caro materie prime, blocco del mercato delle cessioni dei crediti delle imprese nel settore dell’edilizia, aumento del costo degli interessi passivi su finanziamenti e mutui e, non ultima, l’opprimente burocrazia, hanno innescato la cosiddetta “tempesta perfetta” dalla quale, per molte imprese, sarà difficile uscire”.

Un ritratto a tinte assai fosche quello delle attuali condizioni del tessuto socio economico locale tracciato dal presidente di Confartigianato Imprese Siracusa, Daniele La Porta, che tuttavia lascia spazio ad uno spiraglio di luce.

“Nonostante i tanti fattori negativi – afferma La Porta – la Provincia di Siracusa ha fatto comunque registrare nel 2022 un lieve aumento del valore aggiunto (PIL) rispetto al periodo pre-crisi (2019) – aggiunge La Porta – che l’Osservatorio delle Micro e Piccole Imprese di Confartigianato Sicilia ha quantificato in un +1,10%, incremento trainato soprattutto dal settore delle costruzioni che da solo ha totalizzato un +33,60% a livello di incidenza sulla crescita totale”.

Tra i fattori fortemente negativi che hanno caratterizzato l’anno appena trascorso spicca l’aumento dei prezzi al consumo che, dai dati elaborati dall’osservatorio, ad ottobre del 2022 ha fatto registrare per la Sicilia l’incremento più alto tra le regioni italiane con il tasso di inflazione pari al -14,4%, mentre per quanto riguarda la provincia di Siracusa, la stessa si colloca tra le province che hanno fatto registrare il maggior incremento dei prezzi con un tasso dell’inflazione del 13,6%, un dato in gran parte determinato dal caro-bollette che nella nostra provincia ha determinato un incremento della spesa per energia (rispetto al 2021) del 135,6% con un maggior costo sostenuto dalle imprese di circa 104 milioni di euro.

Altro elemento di preoccupazione è il repentino aumento dei tassi di interesse sui finanziamenti che, a seguito dell’aumento dei tassi operato dalla Banca Centrale Europea, ha determinato per le micro e piccole imprese siciliane un valore medio dei tassi di interessi passivi pari all’8,33%, dato che risulta sostanzialmente uguale anche nella provincia di Siracusa.

E tra le sempre presenti barriere che ostacolano la crescita delle piccole e medie imprese siciliane, si registra ancora una volta l’opprimente peso della burocrazia.

“Per superare le criticità e rilanciare il tessuto imprenditoriale, abbiamo elaborato una serie di proposte che sono state consegnate sia alla neo eletta Presidente del Consiglio dei Ministri che al Presidente della Regione Siciliana – afferma Enzo Caschetto, segratario provinciale di Confartigianato Imprese Siracusa – e tra le richieste prioritarie di Confartigianato alla politica, Il tema del caro-energia è senz’altro il più urgente da affrontare”.

Caschetto ricorda che nell’anno appena trascorso, Confartigianato ha lanciato il grido dall’allarme attraverso una campagna mediatica svolta su tutto il territorio nazionale dal titolo “Nessuna impresa chiuda”, «slogan sotto il quale abbiamo manifestato il 7 novembre scorso a Palermo, con una presenza di oltre 10.000 imprese siciliane».

In Sicilia, secondo i dati dell’Osservatorio MPI di Confartigianato, sono a rischio chiusura, per i costi insostenibili dell’energia, circa 63.000 imprese artigiane che occupano oltre 115.000 addetti delle quali, circa 5.000 sono in provincia di Siracusa con oltre 13.000 addetti.

Per arginare il drammatico fenomeno del caro-bollette, si è chiesto al governo nazionale di proseguire nelle azioni volte alla fissazione di un “cap europeo” al prezzo del gas e sempre sul tema del contenimento dei costi dell’energia, Confartigianato ritiene inoltre non più rinviabile lo spostamento degli oneri generali del sistema elettrico sulla fiscalità generale e l’introduzione di premialità aggiuntive per le configurazioni delle Comunità Energetiche Rinnovabili. 

È necessario, infine, intervenire per stabilizzare le detrazioni fiscali concesse per la riqualificazione energetica degli edifici a destinazione residenziale e produttiva e, per quanto concerne le detrazioni fiscali legate alla riqualificazione degli edifici, occorre immediatamente liberare le imprese dai crediti “incagliati” nei loro cassetti fiscali, crediti non gestibili sul mercato bancario a causa del blocco del mercato delle cessioni.

Per quanto concerne il credito, Confartigianato ritiene opportuno continuare a sostenere l’azione del Fondo di Garanzia per le PMI gestito da Mediocredito ed un altro importante intervento richiesto da Confartigianato al Governo è quello relativo all’attuazione del PNRR: occorre che le attività della pubblica amministrazione locale siano adeguatamente supportate in termini di competenze chiave che devono essere a disposizione nei tempi, molto stretti, richiesti dai bandi del PNRR.

Sul versante del fisco, Confartigianato ritiene indispensabile ridurre progressivamente la pressione fiscale e semplificare il sistema tributario per rendere più competitivo il Paese, garantendo alle imprese la medesima modalità di tassazione indipendentemente dalla natura giuridica con cui l’attività stessa è esercitata e superando gradualmente l’IRAP. 

Indifferibile una riforma radicale dell’apparato burocratico del paese con interventi che mirino a digitalizzare il rapporto e l’interoperabilità delle banche dati pubbliche, standardizzare i procedimenti, unificare il front-office SUAP digitale e l’interoperabilità delle banche dati pubbliche e semplificare i 600 procedimenti previsti dal PNRR, a partire da quelli ambientali.

«Su questi ed altri temi, Confartigianato intende proseguire nel confronto da tempo avviato con tutti i livelli di Governo: nazionale, regionale, locale – affermano La Porta e Caschetto – nella convinzione che dal confronto nascono le soluzioni alle numerose problematiche che attanagliano i nostri piccoli e medi imprenditori.

Noi di Confartigianato Imprese Siracusa ci siamo e lo abbiamo dimostrato in occasione delle ultime elezione sia Nazionali che Regionali – concludono – incontrando tutti i leader dei partiti politici ed elaborando proposte che sono state consegnate direttamente a chi oggi ha l’onore e l’onere di governare il nostro paese e la nostra regione».

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 263

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *