breaking news

Siracusa| Caso Biondo, aumento di pena per l’infermiere

Siracusa| Caso Biondo, aumento di pena per l’infermiere
Cronaca
0

Ieri sentenza in tribunale: il giudice ribalta e aumenta la pena per Giuseppe Alicata: due anni di reclusione (e non 9 mesi) e risarcimento danni per la famiglia.

La tanto agognata dea Astrea finalmente dopo più di sette anni si è manifestata, sette anni che non abbraccio più il mio fratellino non hanno pena sufficiente ma per il nostro schifoso sistema giudiziario è un buon segnale che un giudice ribalta ed aumenta la pena richiesta da un pubblico ministero. Con l’augurio che questa sentenza dissuaderà ogni sanitario psichiatrico che passerà per testa di praticare “il colletto”.

E’ il commento sui social di Rossana La Monica, sorella di Stefano Biondo, il giovane disabile morto “per incuria” in una casa di cura. “Giustizia, seppur parziale e tardiva, è stata fatta. Spero sia il monito a tutti gli operatori che lavorano nell’ambito sanitario. Le azioni hanno sempre conseguenze nel bene e nel male”.

In tribunale ieri la sentenza: due anni di reclusione e un risarcimento danni alla famiglia. Il Tribunale di Siracusa ha riconosciuto l’infermiere Giuseppe Alicata colpevole di omicidio colposo per la morte di Stefano Biondo. Il Pm aveva chiesto 9 mesi. Gli esami autoptici avevano evidenziato una asfissia meccanica indotta da compressione come causa del decesso del 21enne ricoverato in una comunità alloggio dopo un Tso nel 2011.

Il caso Stefano Biondo è stato seguito dagli avvocati Massimo Lo Vecchio e Romano del comitato Antipsichiatria. Una forte catena di solidarietà da parte del mondo dell’associazionismo ha sempre sostenuto nella sua lotta la famiglia e Rossana La Monica che, nonostante il dramma familiare e la rabbia, ha sempre proseguito con la sua associazione Astrea a fare del bene impegnandosi nel sociale a favore delle persone meno fortunate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com