breaking news

Siracusa| Castelluccio: “Princiotta sta inquinando il clima politico”

14 Ottobre 2016 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Castelluccio: “Princiotta sta inquinando il clima politico”
Politica
'
0

L’ex segretario del PD: “Io e mio marito totalmente estranei all’ideazione, preparazione e gestione dell’atto amministrativo e del progetto Zuimama e lo dimostreremo presto”. E parte la querela per la consigliera accusatrice che “userebbe l’azione della magistratura per calunniare”.

Tra i consiglieri comunali tirati in ballo stamane in conferenza stampa, e prima ancora in Commissione regionale Antimafia, da Simona Princiotta anche Carmen Castelluccio ed il marito Pino Pennisi, attuale presidente Arciragazzi, in relazione alla già nota vicenda “campus esitivo Zuimama”. La Castelluccio sinora aveva deciso di non parlare, ma oggi non ne ha potuto più fare a meno. Esplosione di rabbia e reazione immediata: “Le ennesime dichiarazioni diffamatorie della signora Princiotta nei miei confronti e di mio marito,  Pino Pennisi, nella conferenza stampa di oggi,  necessitano di puntuali precisazioni per non consentire che  fatti non veri vengano spacciati per certezze e sentenze già pronunciate”. E’ solo l’incipit della Castelluccio di cui proponiamo il testo integrale della sua nota inviata alla stampa: “Ripongo comunque pieno rispetto del lavoro dei magistrati, non avevo, sino ad ora, ritenuto di intervenire ma la gravità di quanto ancora  calunniosamente affermato, pare anche in sede di commissione regionale antimafia, mi costringe a intervenire . Veniamo tirati in ballo con l’accusa di aver condizionato , nel dicembre 2014 , funzionari comunali per concedere un contributo all’associazione  Zuimama, affiliata ad Arciragazzi nazionale ,  per lo svolgimento di un campo estivo,  nell’estate del 2015,  per bambini meno abbienti. Io e mio marito avremmo agito,  secondo la Princiotta , in concorso con gli stessi funzionari per definire la determina di affidamento e accelerarne l’approvazione , ricevendone un vantaggio economico perché Zuimama, pur essendo una autonoma associazione nata nel 2013 con un suo gruppo dirigente e una sua sede, era di fatto,secondo la falsa ricostruzione della Princiotta, governata da mio marito presidente dal 1988 di Arciragazzi Sr , la sottoscritta per ricevere questo contributo avrebbe  patteggiato la  disponibilità a votare favorevolmente il bilancio del 2014 . Non è assolutamente vero che tra i file  trovati nel PC di Arciragazzi SR , fornito da mio marito come Presidente di Arciragazzi Sr , e ascoltato a novembre 2015 come semplice persona a conoscenza di fatti , ci sia la bozza della determina poi usata dai funzionari comunali per affidare il progetto a Zuimama come affermato dalla Princiotta in conferenza stampa.  Quanto altro  trovato riferito a Zuimama è stato acquisito sul PC di  Arciragazzi SR solo  tramite la mail list  di Arciragazzi Sicilia a cui Zuimama,  a fine ottobre 2015,  trasmette documentazione  per testimoniare la bontà dei suoi comportamenti. Per quanto riguarda il mio coinvolgimento diretto constatato  la diffamatoria  affermazione della Princiotta che in una qualche registrazione un consigliere comunale  attesti che  ho ricevuto un contributo di 12000 euro per approvare il bilancio 2015 ,  attraverso l’approvazione del progetto di Zuimama , è bene sottolineare che  si tratta di una falsità  dimostrata dagli stessi atti di indagine, comprese la trascrizione delle  registrazioni,  infatti non mi risulta viene mai citata questa cifra da alcuno  e vi è un generico e incomprensibile riferimento al mio ruolo di segretaria provinciale dunque  la ricostruzione odierna,  riproposta,  è frutto solo delle teorie diffamatorie della Princiotta. Sarebbe stato veramente inspiegabile che la segretaria provinciale del PD bocciasse, come consigliera, il Bilancio presentato dalla Giunta Pd che governa la città , voto favorevole espresso anche  nel 2013. In un incontro da noi richiesto al sostituto procuratore Dott. Di Mauro il 5 agosto scorso, dopo aver ricevuto contestualmente avviso di garanzia  e conclusioni indagini,  senza essere mai stati sentiti,  abbiamo prodotto  una voluminosa memoria difensiva che suffragata da documenti, foto, video, rassegne stampa ha fornito la  nostra versione  dei fatti, da cui riteniamo  emerga con chiarezza  che io e mio marito siamo totalmente estranei alla ideazione, preparazione e gestione dell’atto amministrativo e del progetto ad esso collegato, su cui sono state avviate indagini  delle quali, è bene ribadirlo, si aspetta ancora l’esito conclusivo. Memoria che ci riserviamo di  poter  al più  presto rendere pubblica per poter dimostrare nel dettaglio i fatti,  così come mi auguro che si possa finalmente dire la parola fine a questo modo  incivile di utilizzare l’azione della magistratura per calunniare e diffamare la moralità e la storia  politica delle persone, inquinando il clima politico, alimentando atteggiamenti populistici tanto di moda e delegittimando il confronto nel merito dei problemi che interessano i cittadini. Come ho già fatto in altre occasioni, provvederò a querelare la signora Princiotta, per le gravi e false affermazioni fatte nelle sue dichiarazioni odierne”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com