breaking news

Siracusa | Cgil, Cisl e Uil, un anno di impegni sindacali

30 Dicembre 2022 | by Redazione Webmarte
Siracusa | Cgil, Cisl e Uil, un anno di impegni sindacali
Sindacale
'
0

“Un anno impegnativo per il mondo sindacale siracusano che ha dovuto affrontare una crisi industriale non indifferente e che rischia di provocare ricadute occupazionali rilevanti ed effetti domino sull’intera economia provinciale”.

I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Roberto Alosi, Vera Carasi e Luisella Lionti, nel tradizionale consuntivo di fine anno, non esitano ad indicare nel polo petrolchimico la maggiore criticità affrontata nel 2022. “È indubbio che le maggiori preoccupazioni riguardino il futuro del polo energetico siracusano – sottolineano i tre segretari – La vicenda Lukoil e l’ancor più delicata questione riguardante l’Ias, hanno messo in discussione la stabilità del progetto industriale del nostro territorio. Sono due vicende che, ognuna con propria specificità, siamo costretti a portarci dietro anche nel nuovo anno”.

“Se per Lukoil il commissariamento statale potrebbe rappresentare una rassicurazione, se pur a tempo, per i lavoratori, restano ancora da decifrare le intenzioni dei vertici del colosso russo. Bene ha fatto il governo a fissare un decreto ‘Salva Lukoil’, ma adesso bisogna comprendere se le offerte arrivate e le trattative in corso per la vendita del sito priolese sono reali e concretamente vantaggiose anche per i lavoratori”.

Cgil, Cisl e Uil territoriali hanno rivendicato il ruolo strategico dell’area industriale siracusana mobilitandosi in vari modi. Manifestare in corteo e presenziare sotto il ministero a Roma, sono stati segnali forti per sottolineare i rischi di default economico che correrebbe l’intera provincia in caso di dismissioni nelle aziende.

“C’è una interconnessione economica ormai storica per il nostro territorio. – continuano – Se il 51% del Pil provinciale arriva ancora dall’industria, nessuno può negare il suo valore nell’economia di circolo che muove altre decine di attività produttive: nessuna esclusa. Ecco allora l’esigenza di alimentare una politica industriale che guardi al futuro rinnovando produzioni rispettose dell’ambiente e, allo stesso tempo, capaci di mantenere alto il valore della ricchezza interna prodotta.

“L’impianto consortile dell’Ias merita una riflessione a parte. Se da un lato non possiamo che essere al fianco della magistratura per il rispetto delle regole e l’accertamento delle possibili responsabilità, dall’altra non possiamo esimerci dal mantenere alta la nostra preoccupazione. Il depuratore è uno dei fulcri dell’attività industriale. Il suo blocco, nella peggiore delle ipotesi la sua chiusura, rischierebbe di avviare un processo di graduale dismissione delle attività industriali fino ad oggi garantite. Anche in questo caso abbiamo auspicato un intervento della politica affinché individui la soluzione migliore per scongiurare il peggio. Una legge speciale o un decreto in deroga potrebbero concedere all’impianto un periodo di attività per il tempo necessario ad effettuare i lavori per rimetterlo in sicurezza. Anche in questo caso chiediamo tempestività di intervento perché, ancor più di Lukoil, questo pezzo di industria rischia di far precipitare la situazione”.

Roberto Alosi, Vera Carasi e Luisella Lionti, nel corso dell’anno, sono tornati più volte sul caro energia che sta schiacciando le famiglie. “Di questi ultimi giorni le previsioni che ipotizzano possibili riduzioni delle bollette elettriche e ancora aumenti per quelle del gas. Anche in questo caso stiamo vivendo una pandemia energetica che deve essere affrontata con strumenti legislativi e programmazione politica verso una maggiore autonomia del paese. La guerra in Ucraina, che come sindacato abbiamo condannato dal primo momento, sta inevitabilmente rimettendo in discussione equilibri di politica energetica dati per scontati e messo chiaramente alla luce i sottili equilibri che legano l’economia internazionale”.

I tre segretari poi intervengono sulla persistente crisi degli enti locali che può incidere in maniera negativa anche nella programmazione per la ricerca dei fondi europei. “Sosteniamo da tempo che bisogna invertire la programmazione economica della provincia e di tutti quegli enti della Pubblica amministrazione che arrancano per mancanza di personale – sostengono Alosi, Carasi e Lionti – Bisogna attivare risorse per dare dignità contrattuali e la possibilità di assumere per garantire il ricambio nei vuoti lasciati dai pensionamenti. Resta centrale il nodo delle infrastrutture: “L’Anas ha avviato recentemente le procedure per l’ammissibilità delle imprese che hanno partecipato alla gara d’appalto per i 4 lotti funzionali dell’autostrada Ragusa Catania. È un altro capitolo di questa lunga storia che deve arrivare ad una conclusione. Abbiamo letto che dal 2023 dovrebbero essere aperti i cantieri e, come da cronoprogramma, in 4 anni l’autostrada dovrebbe vedere la luce. Restiamo fiduciosi, restiamo vigili perché questa nuova scadenza venga rispettata per dare una svolta ai collegamenti viari nella Sicilia orientale e a gran parte della zona nord della nostra provincia che sarà attraversata dalla nuova infrastruttura”.

Infine l’appello per un nuovo anno che si preannuncia ancora pieno di criticità e, allo stesso tempo, di protagonismo per il sindacato unitario. “L’anno che sta per finire ci ha portato due nuovi governi, quello Nazionale e quello Regionale. Attendiamo da entrami misure appropriate per salvaguardare l’economia di questa parte di Sicilia e auspichiamo che ognuno riesca a fare la propria parte al di sopra di ogni appartenenza. Cgil, Cisl e Uil continueranno a restare al fianco di ogni singolo lavoratore e delle rispettive famiglie”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 316

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *