breaking news

Siracusa| Che fine ha fatto l’area attendamento in caso di sisma?

Siracusa| Che fine ha fatto l’area attendamento in caso di sisma?
Politica
0

Fermi ormai da mesi i lavori per la realizzazione dell’area attendamenti e containers e per il Centro Operativo della Protezione Civile. Un’altra vergogna di questa amministrazione comunale

Sono fermi, ormai da mesi, i lavori per la realizzazione dell’area attendamenti e containers e per la costruzione della sede comunale della Protezione Civile. La segnalazione è di Enzo Vinciullo che punta il dito contro l’assoluta indifferenza dell’amministrazione comunale. “Evidentemente, questa giunta ritiene che la città non abbia bisogno delle due opere, come se la faglia ibleo-maltese si trovasse in provincia di Bergamo – esclama Vinciullo -, quando ero assessore alla Ricostruzione, dopo aver attinto ai fondi della Legge 433/91 per un importo di 7.081.025,89 euro, i lavori vennero appaltati nel 2012, dovevano concludersi nel 2015, ma oggi sono abbandonati a se stessi, come prova evidente e lampante dell’incapacità di quest’amministrazione comunale (Italgarozzo) di affrontare e risolvere i problemi trovati dalla precedente amministrazione comunale (Garozzitalia)”.

“Spesso – ha proseguito Vinciullo – gli attuali amministratori, che facevano parte della giunta Garozzitalia, dimenticano che l’attuale amministrazione Italgarozzo è nata per gemmazione della precedente e che, quindi, non conviene, anzi è risibile scaricare su altri le responsabilità che appartengono esclusivamente a loro stessi. Già nel 2012 e nel 2013 ero intervenuto con due interrogazioni parlamentari, con la prima sollecitavo l’Urega a non perdere tempo e ad appaltare i lavori e con la seconda contestavo la lentezza con la quale l’amministrazione Garozzitalia affrontava l’argomento e ritardando l’inizio dei lavori”.

Speravo che si trattasse solo di difficoltà legate all’inizio del nuovo corso amministrativo – dice ancora l’ex assessore comunale alla Protezione Civile – ma sono passati 6 anni e l’opera non va avanti, anzi è lasciata negletta ed abbandonata, come se appartenesse ad altra città e ad altro territorio. Data l’emergenza che stiamo vivendo in questi giorni, sarebbe pure il caso che l’amministrazione comunale di Siracusa si svegliasse un pò, prendesse coscienza del fatto che l’opera appartiene alla nostra città ed alla nostra comunità e ci facesse sapere cosa vuole fare di questa opera strategica per la sicurezza dei siracusani, ridotta a una rudere  che fa bella mostra di sé sulla strada per Floridia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com