breaking news

Siracusa| Comune: Approvata in anticipo proposta di Bilancio preventivo e Dup

Siracusa| Comune: Approvata in anticipo proposta di Bilancio preventivo e Dup
Politica
0

E’ stato approvato nei giorni scorsi con largo anticipo rispetto a quanto avvenuto da più di dieci anni a questa parte, dalla Giunta comunale, la proposta di bilancio preventivo annuale 2019 e del Documento Unico di programmazione 2019/2021.

Ciò è stato possibile grazie ad un proficuo lavoro operato da dirigenti e dalla giunta e con il prezioso ausilio del segretario comunale”: lo dichiara il sindaco, Francesco Italia, che aggiunge: “La continua, progressiva riduzione dei trasferimenti statali e regionali verso gli enti locali sta provocando difficoltà senza precedenti di equilibrio di bilancio e colpendo bisogni primari dei cittadini. La priorità di oggi, nel contesto degli Enti locali siciliani che vede Catania e altri 90 comuni in dissesto o pre-dissesto, è di evitare situazioni dagli esiti imprevedibili con conseguenze devastanti soprattutto per i soggetti più deboli, per le famiglie, i lavoratori ed il tessuto imprenditoriale. Garantire gli equilibri di bilancio in un periodo di crisi profonda del sistema dei Comuni è un’operazione necessaria ed indispensabile per garantire l’avvio di un’azione incisiva per una gestione efficiente dell’Ente, per migliorare la qualità dei servizi e soprattutto per poter finalmente lavorare programmando senza inseguire solo le emergenze.

Il Sindaco, nel merito del provvedimento, dichiara: “La nostra proposta di bilancio parte dai correttivi richiesti dalla Corte dei conti e deliberati, quasi all’unanimità, dal Consiglio Comunale pochi mesi, fa che prevedevano innanzitutto un aumento medio del 20% dei proventi del Comune e del 36% del tasso di copertura dei servizi a domanda individuale. Non si tratta solo di rispetto istituzionale nei confronti dell’organo di controllo contabile e dell’assemblea cittadina, ma di quel senso di responsabilità che ci obbliga ad anteporre l’interesse generale ed i principi di equità e giustizia fiscale. Significa, ad esempio, che si pagherà di più per le concessioni e per l’utilizzo degli immobili comunali e si comparteciperà con rette maggiorate al finanziamento dei servizi a domanda individuale. Gli aumenti delle rette di compartecipazione hanno comunque mantenuto fermo il principio di assicurare una progressività di aumento legata all’ISEE, assicurando alle fasce più deboli l’esenzione o rette sostenibili. Non è stato facile perché, in alcuni casi, siamo intervenuti su tariffe e rette di compartecipazione bloccate da oltre 20 anni o lasciate ben al di sotto di quelle applicate in città che garantiscono servizi efficienti ed il rispetto di parametri determinati dalla normativa vigente ma soprattutto richiesta dalla Corte dei Conti.

Conclude Francesco Italia: “Governare una città comporta l’assunzione di responsabilità ed il determinarsi a scelte non legate al canto delle sirene del consenso. Occorre un percorso serio di azione e pianificazione mettendo al centro il bene comune della comunità e il coraggio di indicare una visione che ci consenta di superare una quotidianità complessa e non priva di insidie. Nonostante un quadro finanziario complesso siamo soddisfatti perché i servizi alla persona sono stati mantenuti senza operare tagli alla spesa sociale. L’approvazione del bilancio in tempi utili potrà consentire l’utilizzo delle risorse extra comunali, già assegnate all’Ente, tra le quali quelle previste in favore del risanamento e della riqualificazione di alcune periferie cittadine. L’Amministrazione dedicherà un impegno straordinario al recupero dei crediti e all’efficientamento della riscossione dei tributi per affermare un principio fondamentale di equità e giustizia fiscale. È giusto e vero che tutti i cittadini hanno diritto ai servizi pubblici ma è altrettanto vero che tutti i cittadini hanno il dovere di contribuire secondo principi di equità fiscale. Governiamo da appena nove mesi e sappiamo che alcune decisioni vanno prese adesso. Le scelte di buon governo assunte oggi ci consentiranno di guardare ad un orizzonte lontano”.

I provvedimenti saranno adesso trasmessi all’Ufficio di Presidenza del Consiglio comunale per poi essere inviati al Collegio dei revisori dei conti e alle Commissioni per i relativi pareri. Dopo questi adempimenti sarà calendarizzata la seduta consiliare dedicata alla discussione generale, nel corso della quale saranno fissati i tempi per la presentazione degli emendamenti e la data della seduta di approvazione degli strumenti finanziari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com