breaking news

Siracusa| “Donna Viola”, storia di un amore senza età

8 Novembre 2016 | by Redazione Webmarte
Siracusa| “Donna Viola”, storia di un amore senza età
Spettacolo
'
0

Attualissima la trama intessuta dalla melillese Tea Ranno in scena stasera al Vasquez con la regia di Tatiana Alescio. Nella Sicilia di 50 anni fa Anna Passanisi, Davide Sbrogiò, Alessandro Romano e Doriana La Fauci. E con la partecipazione di Gino Astorina.

650x50ter

qds-300x250bisStasera al Teatro Vasquez alle ore 21 va in scena “Donna Viola” di Tea Ranno, regia di Tatiana Alescio. E’ la storia di una donna raccontata da due donne che insieme indagano in profondità l’universo femminile fino a toccare confini raramente esplorati, ma pur sempre reali anche se sottaciuti nel rispetto di schemi e convenzioni che a volte opprimono le libertà del cuore. Viola un fiore, una fragranza, ma soprattutto la forza dirompente della passione che si manifesta attraverso la bellezza di una donna vissuta negli anni ‘50. È il racconto delle pulsioni di un corpo che ha raggiunto l’apice della maturità femminilità. Tea Ranno, nel suo libro, ne ha raccontato la storia raccogliendo le confidenze sussurrate dalla gente di paese; Tatiana Alescio ne ha curato la trasposizione teatrale realizzando un’opera di grande spessore con un cast di attori di prim’ordine: Anna Passanisi, Davide Sbrogiò, Giuliana Accolla, Alessandro Romano, Doriana La Fauci, Alessandro Burzotta, Giorgio Frontera, Mariavittoria Chimirri, e la partecipazione di Gino Astorina.. La vicenda è ambientata nella Sicilia di 60 anni fa. Narra dell’innamoramento di una donna cinquantenne ancora bellissima, perfetta padrona di casa e madre di due figli, nei confronti di un ragazzo molto più giovane di lei, amico della fidanzata del figlio. Un intreccio emotivo in cui i sensi prevalgono sulla ragione e il desiderio giustifica ogni azzardo colmando un vuoto che la vita improvvisamente arriva a costruire: i figli ormai cresciuti e autonomi, il marito dedito al lavoro e alle sue occupazioni. La debolezza della routine che fa riassaporare antiche emozioni, il rossore per uno sguardo, la tenerezza di un abbraccio, che oltre ai due protagonisti coinvolge i parenti più stretti, il figlio, il marito, gli amici e il contesto sociale. Al centro un amore forse impossibile e senza futuro, ma diventato possibile e vero in quanto realmente vissuto.  (foto trinaura)

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com