breaking news

Siracusa| Ex Provincia. “Per gli stipendi intervenga subito Palermo”

24 Febbraio 2018 | by Redazione Webmarte
Siracusa| Ex Provincia. “Per gli stipendi intervenga subito Palermo”
Sindacale
'
0

Incontro dei sindacati col commissario del Libero Consorzio, Floreno. Passanisi (Cisl): “Apprezziamo lo sforzo, ma la problematica relativa alla situazione economico-finanziaria dell’ente va affrontata e risolta su altri tavoli, come quelli regionali”.

“Chiediamo l’intervento della Regione attraverso la deliberazione di provvedimenti immediati che prevedano lo stanziamento di fondi straordinari per la Provincia di Siracusa”. A ribadirlo è stato il segretario generale della Funzione pubblica di Siracusa e Ragusa della Cisl, Daniele Passanisi che oggi insieme alle altre rappresentanze sindacali ha incontrato il commissario straordinario del Libero Consorzio, Carmela Floreno.

E’ stato il primo confronto ufficiale per affrontare la vicenda relativa all’erogazione dei servizi ed ai pagamenti dei dipendenti nei prossimi mesi, illustrando la situazione generale sotto il profilo economico finanziario dell’ente.

“Apprezziamo lo sforzo che sta compiendo il commissario straordinario del Libero Consorzio – ha detto Passanisi – ma è chiaro che la problematica relativa alla situazione economico-finanziaria dell’ente vada affrontata e risolta su altri tavoli, in particolare quello regionale”.

Centrale secondo Passanisi è l’intervento per eliminare il prelievo forzoso che incide sul bilancio della Provincia. “E’ un compito che spetta alla Regione – ha aggiunto il segretario generale della Fp Cisl di Siracusa e Ragusa – che deve eliminarlo e farsi garante nel pagamento degli stipendi ai lavoratori e nel prosieguo dell’espletamento dei servizi che l’ente svolge in favore della collettività.

Si chiede dunque da subito che la Regione deliberi lo stanziamento di fondi straordinari per l’ente Provincia. I lavoratori già da due anni percepiscono gli stipendi due volte l’anno e tutto questo è avvenuto solo a seguito di una forte e prolungata mobilitazione, senza che la politica abbia fatto qualcosa per migliorare la situazione.

Le prospettive che questo si ripeta sono concrete e non si può accettare che per il pagamento degli stipendi, si debba attendere l’approvazione del bilancio della Regione. E’ chiaro, quindi, che ci sono tutti i presupposti per organizzare una nuova, forte mobilitazione da portare nella sede della Regione”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *