breaking news

Siracusa| “Facciamoli Scendere”, Actionaid si mobilita anche per gli adulti

26 Gennaio 2019 | by Redazione Webmarte
Siracusa| “Facciamoli Scendere”, Actionaid si mobilita anche per gli adulti
Cronaca
0

Oggi alle 12 presidio sulla costa della baia insieme alle tante associazioni e ai cittadini per chiedere lo sbarco immediato delle persone a bordo della Sea Watch. La CEI e Actionaid: “Fateli scendere”

Scende in campo anche la CEI, la Comunità di Papa Giovanni 23° per accogliere i migranti della Sea Watch al largo di Siracusa grazie alla mediazione di don Aldo Bonaiuto. Almeno tredici i minori (tra 15 e 17 anni) che si trovano all’addiaccio da una settimana a bordo della nave Ong battente bandiera olandese. Tredici minori che potrebbero essere ospitati in una casa di accoglienza di Reggio Calabria.

Ed a proposito di minori, interviene anche ActionAid che si è mobilitata per chiedere all’Italia e all’Europa che queste persone fossero sbarcate in un porto sicuro. Da venerdì ActionAid è presente con staff e attivisti a Siracusa, dove la SeaWatch è ancorata a un miglio dal porto a causa delle cattive condizioni metereologiche. Oggi l’organizzazione si mobilita insieme all’amministrazione, alle tante associazioni e ai singoli cittadini per chiedere lo sbarco immediato di tutte le persone a bordo della nave. Un’amministrazione che – insieme alle associazioni locali – ha dato una forte testimonianza di accoglienza e solidarietà.

ActionAid accoglie con favore la possibile disposizione di sbarco che la Procura dei Minori di Catania ha richiesto nei confronti dei minori presenti sulla nave. “Riteniamo fondamentale la tutela dei minori e accogliamo con molto favore la richiesta della Procura – sottolinea ActionAid – tuttavia evidenziamo il pericolo di questa opzione politica che si è configurata in altre vicende: crediamo infatti che tutte le persone migranti, inclusi gli uomini adulti, debbano avere tutele e accesso ai diritti. Per questo ActionAid chiede che tutte le persone a bordo della Sea Watch vengano immediatamente fatte sbarcare in un porto sicuro, senza essere lasciate ulteriormente senza una destinazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com