breaking news

Siracusa | Finchè la barca va lasciala… remare!

5 Dicembre 2022 | by Redazione Webmarte
Siracusa | Finchè la barca va lasciala… remare!
Attualità
'
0

Gradenigo (Lealtà e condivisione): “Si attivi subito un’attrazione a beneficio della nostra città”.

Un servizio quello del trasporto a remi via mare tra Ortigia e Borgata per il quale dal 2015 è in vigore un regolamento approvato dal Consiglio Comunale ad oggi rimasto inapplicato”. La segnalazione arriva dal movimento “Lealtà e Condivisione”, tramite il presidente Carlo Gradenigo. “Otto anni dopo – esordisce Gradenigo – siamo ancora qui a parlare di quella che potrebbe essere una vera e propria attrazione, una tappa obbligata, lungo il percorso di visita che le migliaia di turisti sarebbero indotti a percorrere a piedi visitando la nostra città. Così come un viaggio nel tempo a bordo di una barca di legno colorata “il gozzo siracusano” , rapito dal suono lieve dello sciabordio dei remi e avvolto dal fascino notturno di una lampara, si offrirebbe al passeggero – commenta – un’esperienza di autentica storia Siracusana.

Mettere a sistema tutto ciò all’interno di un tracciato pedonale tra i due principali quartieri storici della città (Ortigia e Borgata), oltre ai posti lavoro, porterebbe alla formazione di nuove maestranze sia per la conduzione a remi che per la necessaria e impegnativa manutenzione e cura delle tipiche imbarcazioni di legno oggi quasi scomparse nonostante l’iscrizione del Gozzo Siracusano nel Registro delle Eredità Immateriali (R.E.I.) della Regione Sicilia. La contestuale organizzazione – conclude Gradenigo – di corsi per maestri d’ascia, mestiere praticamente estinto insieme ai calafatari un tempo presenti nell’area prospicente lo sbarcadero, potrebbe essere un modo per rilanciarne l’attività portando alla naturale riqualificazione dei luoghi oggi abbandonati al degrado, convertendo l’area in un vero e proprio museo a cielo aperto, un laboratorio per l’esposizione e rimessaggio delle imbarcazioni simbolo della città di Siracusa (altro che ape calessino) come lo sono da sempre le gondole per Venezia. 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20
Visualizzazioni: 312

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *