breaking news

Siracusa| Il 17 maggio giornata internazionale contro l’omofobia

Siracusa| Il 17 maggio giornata internazionale contro l’omofobia
Attualità
'
0

Stonewall organizza proiezioni e flash mob

Sebbene viviamo nel 2017, la strada per il riconoscimento della piena dignità di Gay Lesbiche Bisex Trans è ancora in salita e irta di ostacoli, anche nel nostro Paese” Con questo spirito Tiziana Biondi presidente di Stonewall GLBT Siracusa commenta l’approssimarsi della Giornata Internazionale contro l’omofobia. Il mese di maggio segna infatti una tappa fondamentale per l’associazione siracusana che, a corollario delle attività di promozione e sensibilizzazione svolte incessantemente nel corso di tutto l’anno, torna a celebrare l’importante ricorrenza con una serie di iniziative, organizzate in collaborazione con Unione Degli Studenti, Rete Centri Antiviolenza di Siracusa; Arci, Zuimama Arciragazzi, Astrea in memoria di Stefano Biondo e la Chiesa Evangelica Battista di Siracusa.

un-bacio-17-maggioAd illustrare il programma odierno la presidente di Stonewall Tiziana Biondi:

La Giornata Internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia (o IDAHOBIT, acronimo di International Day Against Homophobia, Biphobia and Transphobia) è una ricorrenza promossa dall’Unione europea che si celebra dal 2004 il 17 maggio di ogni anno per promuovere e organizzare eventi di sensibilizzazione e prevenzione in relazione a questi fenomeni, purtroppo ancora tristemente attuali.

Ma perché proprio il 17 maggio? Non tutti sanno che il 17 maggio del 1990 è una data importante per le persone GLBT di tutto il mondo poiché l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) proprio in quella data cancellò l’omosessualità dall’elenco delle malattie mentali, definendola per la prima volta “una variante naturale del comportamento umano” .

Purtroppo questo non è bastato per cancellare tutti gli stigmi e i pregiudizi presenti, ancora oggi, in tutti gli ambiti sociali:

– in famiglia, dove molti ragazzi e ragazze che dichiarano la propria omosessualità subiscono violenze psicologiche e/o fisiche

nelle istituzioni, dove il linguaggio omofobo e sessista la fa da padrone e dove, come sta accadendo in Italia, chi ci governa è riuscito, solo dopo decenni, a far approvare una legge sulle unioni civili monca e di fatto “discriminatoria”, poiché monca di quella parte che avrebbe riconosciuto i diritti anche dei bambini figli di coppie omogenitoriali. Non solo, nonostante i fatti dimostrino che è ormai un esigenza, chi dovrebbe e potrebbe, continua a far slittare a data da destinarsi, la presentazione e quindi la discussione e la conseguente (si spera) approvazione di una buona legge che di fatto riconosca e punisca il reato di omofobia, senza se e senza ma…

a scuola, dove molti adolescenti sono vittime di bullismo omofobico e transfobico, e dove a causa di uno stupido ed insensato allarmismo sull’inesistente “mostro gender” i percorsi per l’educazione al rispetto di tutte le differenze, ivi comprese quelle legate all’orientamento affettivo-sessuale e di genere, vengono ignorati o boicottati.

in molte confessioni religiose le cui chiese e gruppi estremisti che a queste si ispirano (vedi ProVita, Giuristi per la vita, Manif Pour Tous; etc) fanno da cassa di risonanza a certe ideologie piene d’odio e livore che etichettano le persone con diverso orientamento sessuale come pervertiti, peccatori o malati da curare.

 Che dire poi di quello che succede nel resto del mondo? Sono ancora 75 gli stati che criminalizzano l’omosessualità punendola con il carcere o con la pena di morte. In alcuni paesi, come in Cecenia, sono stati creati dei veri e propri campi di concentramento dove gli omosessuali vengono condotti per essere segregati, torturati e in alcuni casi uccisi! Il tutto senza che la comunità internazionale abbia ancora fatto qualcosa per fermare questo orrore!

 E’ triste doverlo ammettere, ma purtroppo è palese che sebbene viviamo nel 2017, la strada per il riconoscimento della piena dignità di Gay Lesbiche Bisex Trans è ancora in salita e irta di ostacoli, anche nel nostro paese dove per tanti, troppi, quelle GLBT sono identità non previste.

Noi, gay, lesbiche, bisex, transessuali invece ci siamo e vogliamo essere “visibili”!

Vogliamo esserci , orgogliosi di noi stessi, delle nostre famiglie e dei nostri amori. Vogliamo che nessuno sia costretto a nascondersi o a a vergognarsi. Vogliamo pari dignità e pari diritti!

Ma per far questo, la buona volontà e l’impegno delle associazioni come Stonewall non bastano. Crediamo che si può fare di più e più in fretta se tutte e tutti coloro che credono in questi principi, a prescindere dal proprio orientamento affettivo, la propria identità di genere, il proprio credo si uniscono alla battaglia della comunità e del movimento GLBT per costruire insieme e per tutti una società che possa essere degna di essere definita “civile”, dove tutte e tutti possano essere semplicemente se stessi e possano godere degli stessi diritti oltre che degli stessi doveri.

 Per questo motivo, anche quest’anno l’associazione d’iniziativa GLBT “STONEWALL ripropone la campagna fotografica per dire #STOPOMOFOBIA, senza “se” e senza “ma”, oggi, domani, sempre e organizza, proprio per il 17 maggio, in collaborazione con l’Unione Degli Studenti, le associazioni Rete Centri Antiviolenza; Arci, Zuimama Arciragazzi, Astrea in memoria di Stefano Biondo e la Chiesa Evangelica Battista di Siracusa una serie di iniziative che cercheranno di coinvolgere la cittadinanza siracusana:

 flash mob per le vie di Ortigia;

  • attività di sensibilizzazione negli istituti superiori siracusani che aderiranno alla giornata;
  • proiezione c/o la Chiesa Evangelica Battista in via Agatocle, 50, alle ore 18,00 del bellissimo film di Ivan Cotroneo “Un Bacio”, la pellicola sull’adolescienza, sulle prime volte, sulla ricerca della felicità, ma anche sul bullismo e sull’omofobia, sui modelli e sugli schemi che ci impediscono, e che impediscono soprattutto ai ragazzi, di essere felici, di trovare la strada della loro singola, particolare, personale felicità.
Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com