breaking news

Siracusa | Le nomine all’Ias di Milena Contento e Pippo Sorbello scatenano le ieri del Pd e dell’Udc

Siracusa | Le nomine all’Ias di Milena Contento e Pippo Sorbello scatenano le ieri del Pd e dell’Udc
Politica
0

Malumori all’interno del Partito democratico e dell’Udc di Siracusa in seguito alla nomina nel consiglio di amministrazione dell’Ias, la società che gestisce il depuratore consortile di Priolo, dell’augustana Milena Contento, consigliere comunale e già assessore dell’ente locale megarese e dell’ex sindaco di Melilli Pippo Sorbello, già deputato e assessore regionale. “La nomina di Contento non è espressione del Pd” si legge in una nota del partito. L’Udc ritiene fondamentale un intervento da parte dell’partito regionale e nazionale dopo l’indicazione dell’ex deputato Sorbello.

La recente nomina di Milena Contento e di Pippo Sorbello nel nuovo consiglio di amministrazione dell’Ias (la società che gestisce il depuratore consortile dell’Ias)  ha creato malumori  all’interno del Partito democratico e dell’Udc siracusani. Il Pd sottolinea che la scelta di Milena Contento, iscritta al circolo di Augusta: “non è espressione del partito, che la disconosce, non è infatti passata dalla discussione interna del partito”. “Il Pd seguirà con attenzione la gestione Ias nell’interesse dello sviluppo del territorio e della salute dei cittadini” si legge in una nota a firma del segretario del partito di Siracusa Salvatore Adorno il quale, in premessa ha sottolineato che: “il  Partito democratico di Siracusa ha osservato da tempo con costanza e grande attenzione la vicenda della costituzione del consiglio di amministrazione dell’Ias evidenziando la mancanza di criteri di trasparenza e competenza nelle precedenti nomine.

In fibrillazione per le nomine del 26 marzo scorso anche l’Udc siracusano. Il vice coordinatore provinciale insieme con i  consiglieri comunali di Melilli e di Priolo dell’Udc, con i coordinatori di Priolo e Melilli,  ritengono fondamentale un intervento da parte dell’partito regionale e nazionale dopo l’indicazione dell’ex deputato Sorbello. “La nomina di Sorbello – si legge in una nota – appare inopportuna quanto meno nell’ottica di una indispensabile discontinuità con le logiche della politica del passato che, nel delicatissimo momento che attraversa l’Ias, dovrebbe ritenersi  prerequisito determinante nelle scelte di governo, e della consigliera Contento di Augusta, a quanto ci risulta priva di titolo di studio adeguato alle complesse attività di governance dell’Ente in questione. La proposta che il partito provinciale aveva sommessamente suggerito era, all’opposto, dettata dall’esigenza di far ricoprire il ruolo da persona qualificata nei settori giuridico-amministrativo e universitario, uno stimato professionista del territorio, proposta totalmente disattesa ed ignorata.

L’assessore Turano – continua l’Udc siracusano –  conosce bene quali sono state le ultime vicende che riguardano la vita dell’Ias e proprio per queste ragioni avrebbe dovuto alzare il livello della rappresentanza. Inoltre strano appare il ‘silenzio’ del presidente della Regione Musumeci, icona di legalità e trasparenza, di questo governo e della Sicilia che sicuramente, se a conoscenza non avrebbe mai permesso una cosa simile. Infatti l’assessore regionale alla Attività Girolamo Turano, conosce bene l’inopportunità delle sue scelte, su sollecitazioni improprie, ed inoltre conosce la storia del depuratore priolese. Invece l’assessore Turano, mal consigliato, ha voluto sfidare tutti, Partito nazionale, regionale e locale, dribblando le attuali inchieste, mortificando le istituzioni locali che rappresentano proprio il suo partito. Ci chiediamo a chi giova questo atteggiamento, e soprattutto il motivo personale e dopo politico che lo porta a distruggere il suo stesso partito, intendo l’Udc, sia a livello locale che regionale.

Proprio noi – si legge ancora nella nota – vorremmo capire quale può essere il ritorno dell’assessore Turano e quali interessi cela dietro queste nomine, qualora ovviamente ce ne fossero. L’indicazione del partito a livello provinciale avrebbe dovuto mettere da subito mano, alla moralizzazione dell’ente, alla richiesta di portare avanti l’impianto con investimenti ambientali veri, ad esempio con i lavori di copertura delle vasche, alle prescrizioni dalla procura di Siracusa, fino ad arrivare all’efficentamento degli impianti.  Inoltre  vorremmo capire le sue indicazioni, fino ad oggi inutili in quanto hanno portano a nomine poi rivelatesi prive dei prescritti requisiti che sono servite solo a bloccare da 3 anni a questa parte la governance del depuratore, creando stalli industriali e sociali per tutto il territorio .

Il Partito a livello provinciale ricorda a questo assessore che ha contribuito alle ultime regionali e al risultato finale, con il riconoscimento politico che oggi gli consente di fare l’assessore, oltreché il deputato. Forse sarebbe il caso che l’ultimo anno di legislatura si riposasse e desse spazio ad altri uomini che si muovono con impegno per fare crescere il Partito. La sua politica a livello regionale è destabilizzante per le donne e gli uomini che appartengono al Partito. Forse l’Assessore Turano già pensa ad un altro contenitore politico per i prossimi 5 anni, la cosa non ci sembra strana conoscendo il suo percorso partito dalla destra andato alla sinistra per poi di nuovo tornare al centro e in fine di nuovo a destra.. Questa volta – conclude l’Udc di Siracusa – chiediamo al partito regionale e nazionale di prendere provvedimenti prima di trovarci alla scadenza della legislatura e di avere sostenuto un Assessore, che è già fuori dalla linea dell’Udc.

La nomina del nuovo consiglio d’amministrazione della società che gestisce il depuratore di Priolo è stata completata dall’assemblea dei soci il 26 marzo scorso con la ratifica delle nomine avanzate dal commissario straordinario del consorzio Asi di Siracusa, Achille Piritore. Le nuove nomine riguardano, appunto l’augustana Milena Contento, consigliere comunale ed ex assessore del Comune megarese e Pippo Sorbello di Melilli, Comune di cui è stato sindaco, ex depurato all’Assemblea regionale siciliana e per un anno dal 2008 al 2009 assessore all’Ambiente nel governo siciliano che subentrano al ragusano Giovanni Occhipinti e all’augustana Silvia Belfiore, decaduti in quanto non ritenuti in possesso dei requisiti per ricoprire tale carica. Confermata nel cda dell’Ias Patrizia Brundo, commercialista avolese. Il direttivo dell’Ias è composto anche da Luigi Scalisi, ingegnere, nominato da soci privati e dall’ex sindaco di Augusta, Massimo Carrubba, nominato dal comune di Melilli.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com