breaking news

Siracusa | Lotta a lavoro nero e caporalato, sospese cinque attività

Siracusa | Lotta a lavoro nero e caporalato, sospese cinque attività
Cronaca
'
0

Dodici ispezioni in altrettante aziende di Siracusa, Rosolini, Portopalo di Capo Passero, Augusta, Floridia e Carlentini. Esaminate 38 posizioni lavorative, di cui 8 irregolari sotto il profilo contributivo e retributivo. Tredici i lavoratori in nero. Sanzioni per oltre 60 mila euro.

Controlli senza sosta. Continuano senza sosta i controlli dei carabinieri contro lavoro nero, caporalato e violazioni sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. In questo ambito i carabinieri del Nil e del comando provinciale di Siracusa, d’intesa col dirigente dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Siracusa, hanno effettuato controlli e verifiche in aziende agricole, esercizi commerciali e pub, col fine di arginare il dilagante fenomeno del lavoro nero e del caporalato.

Il bilancio. Dodici gli accessi ispettivi eseguiti in altrettante aziende tra i Comuni di Siracusa, Rosolini, Portopalo di Capo Passero, Augusta, Floridia e Carlentini. Sono state esaminate 38 posizioni lavorative, di cui 8 sono risultate irregolari sotto il profilo contributivo e retributivo. Tredici i lavoratori in nero individuati nel corso dei vari controlli: due in un lido balneare, quattro in un pub, cinque in due esercizi commerciali, una in una impresa agricola, una in una impresa edile.

Sospese 5 attività. Tra le 12 ispezionate, per 5 aziende è scattato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale: si tratta di due esercizi commerciali, di un pub, di un lido balneare e di una impresa agricola. Nei confronti di tre datori di lavoro è anche scattata la denuncia in stato di libertà per diverse violazioni in materia di sicurezza sul lavoro. Inoltre è stata disposta l’immediata rimozione di 2 impianti di videosorveglianza privi di autorizzazione che consentivano il controllo a distanza dell’operato dei dipendenti da parte dei datori di lavoro. Nei confronti dei titolari di altrettante imprese è scattata la denuncia alla procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa per violazione dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori. Le sanzioni amministrative irrogate ammontano a oltre 50 mila euro e le ammende contestate ammontato a quasi 14 mila euro.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *