breaking news

Siracusa | Nomina presidente Autorità Portuale, Forza Italia esclusa dalle consultazioni

14 Febbraio 2022 | by Redazione Webmarte
Siracusa | Nomina presidente Autorità Portuale, Forza Italia esclusa dalle consultazioni
Politica
'
0

Porti, la forzista Stefania Prestigiacomo chiede l’intervento del presidente del Consiglio Draghi e dei ministri di FI affinché  si intervenga sulla nomina del presidente dell’Autorita’ di Augusta-Catania.

La nomina del Presidente dell’Autorità Portuale di Augusta-Catania da parte del ministro Giovannini è stata concordata con i gruppi di maggioranza ad esclusione di Forza Italia. “E’ stata infranta una prassi di condivisione fra i gruppi che sostengono il governo, un metodo che invece aveva condotto a scelte condivise per altre autorità portuali come Ancona e la stessa La Spezia. – dice Stefania Prestigiacomo – Affossare Augusta con una scelta manageriale di ripiego significa compromettere la crescita del Mezzogiorno. Una scelta scellerata e che richiede una assunzione di responsabilità del Governo nel suo complesso. Faccio quindi appello al Presidente Draghi e ai ministri di Forza Italia, Gelmini Carfagna e Brunetta: dicano come la pensano, assumano una posizione chiara su questo caso che non è solo politico, è anche economico e sociale, per i riflessi che potrebbe avere sullo sviluppo dell’area e sugli assetti occupazionali”.

“Da parte nostra sottoporremo la questione anche a livello UE coinvolgendo il direttore generale delle politiche regionali di Bruxellese Marc Lemaitre. Ciò che sta accadendo è infatti inaccettabile, dopo un primo tentativo con la nomina del Capo del Dipartimento del Personale del Ministero, per liberare un posto a Roma, oggi si compie una scelta che, nuovamente, sembra frutto di un accordo a spese della Sicilia e, ahi noi, che vede la condivisione personale del Presidente Musumeci forse poco attento al fatto che pur di liberare il posto di segretario generale a La Spezia si è promossa una figura che altrimenti non avrebbe mai potuto ambire a ricoprire tale incarico. Il porto petrolifero di Augusta riconosciuto dall’Europa come porto ‘core’ ha potenzialità di crescita e sviluppo che da oltre 20 anni, a causa di scelte scellerate, restano inespresse. Siamo l’unico porto privo di progetti finanziabili pur avendo immense possibilita di diventare scalo principale del mediterraneo”.

“Una ennesima scelta sbagliata per i prossimi 4 anni penalizzerà lo sviluppo dell’isola. Siamo basiti dal fatto che non si vuole comprendere che cio che ci sta a cuore è esclusivamente il futuro del nostro paese. Giovannini sembra non sapere che abbiamo dovuto subire anni di gestione inconcludente tanto per la bonifica della rada per la quale da 12 anni giacciono fondi non spesi in una contabilità speciale presso la regione siciliana, quanto per la trasformazione dello scalo in hub internazionale. Un ritardo che ha penalizzato e continuerà a penalizzare il mezzogiorno, la sua crescita e l’occupazione. Chiedo quindi al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di ripensarci. Di tornare indietro. Ribadisco altresì l’invito al presidente Musumeci di revocare l’intesa su una scelta non condivisa che non rispecchia le esigenze del territorio e della portualità della Sicilia sud orientale.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *