breaking news

Siracusa| Non paga l’aggiunta di alcol al barista

Siracusa| Non paga l’aggiunta di alcol al barista
Cronaca
'
0

Tentata estorsione aggravata con metodo mafioso. I carabinieri arrestano Luciano De Carolis.

Stamane, su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania – Direzione Distrettuale Antimafia, il Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Siracusa ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa in data 04.06.2018 dal G.I.P. presso il Tribunale di Catania nei confronti di Luciano De Carolis, classe 1974, già condannato anche per il reato di associazione di tipo mafioso in quanto appartenente all’organizzazione criminale denominata Bottaro/Attanasio.

Il De Carolis è ritenuto responsabile del delitto di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un esercizio commerciale di Siracusa. In particolare, dall’attività investigativa è emerso che il De Carolis, conosciuto con il soprannome “Ciano u nanu”, nel mese di marzo 2018, dopo aver richiesto alcune consumazioni all’interno di un bar del capoluogo aretuseo, pretendeva di non pagare il supplemento previsto per l’aggiunta di una dose di alcol superiore rispetto a quella normalmente versata. Al diniego del banconista e dell’addetto alla cassa, l’arrestato profferiva frasi gravemente intimidatorie e considerazioni evocative delle condotte di tipo mafioso, fino a sollecitare lo scontro fisico con il cassiere, evitato grazie all’intervento delle altre persone presenti.

Il De Carolis, nonostante la condotta, nei giorni successivi si ripresentava presso lo stesso bar, ed alle legittime rimostranze della gestrice dell’esercizio commerciale per il comportamento dallo stesso tenuto in precedenza, rimarcava il proprio atteggiamento minaccioso pretendendo di affrontare l’argomento con il titolare del bar al momento assente.

Quanto accaduto, ed in particolare l’atteggiamento aggressivo e intimidatorio del De Carolis, veniva ampiamente documentato dai Carabinieri anche con l’ausilio di alcuni filmati estrapolati dal sistema di videosorveglianza del locale.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com