breaking news

Siracusa| Ortigia Sostenibile tira le somme della stagione

Siracusa| Ortigia Sostenibile tira le somme della stagione
Cronaca
'
0

Basta lo spunto di  una garbata  protesta contro una sanzione che costringe  Giovanni Guarneri, chef del ristorante “Don Camillo”, alla rimozione dell’antica tabella artigianale realizzata 33 anni fa su legno e dipinta a mano,  per riportare a galla le innumerevoli incongruenze di un centro storico – e non solo – dove proprio in materia di insegne e cartellonistica il cattivo gusto fanno da padrone.

E ancora una volta il comitato tira le somme di una stagione – quella invernale ormai conclusa – per constatare quanto poco sia cambiato il panorama cittadino in materia di abusi, non osservanza delle regole, mancati controlli,  tavolini e concerti all’aperto fuori da ogni limite sulle emissioni sonore. “Turismo sostenibile” , è sempre stata la parola d’ordine del comitato, e alle porte della prossima stagione estiva, ci chiediamo dove siano finiti i progetti che l’Amministrazione comunale aveva in serbo per la città, a tutela non solo dei propri cittadini, ma dei numerosi viaggiatori che oltre ai doni offerti dalla natura – sole, mare, arte, cultura, storia millenaria  – si aspettano pulizia, decoro, rispetto.

Come sottolineato nell’ultima conferenza stampa, il Comitato Ortigia Sostenibile ha incontrato gli assessori al Centro storico, Politiche ambientali, Attività produttive, Mobilità; da ognuno di questi settori erano scaturite promesse di impegno. Una per tutte, il Piano di zonizzazione acustica che l’assessore Pier Paolo Coppa ha dato per “completo e pronto ad essere attuato entro il 31 dicembre 2017”.  Dove è finito?

Dall’assessore Silvia Spadaro, l’impegno all’obbligo di esporre i bollini di autorizzazione nei dehors – mai visti! – insieme a maggiori controlli su spazi di suolo pubblico ben superiori a quelli richiesti e ottenuti: regole e controlli che non hanno mai prevalso a fronte dell’ apertura di chioschi, pizzerie, pub anche in prossimità di monumenti e chiese.  “Né mai la Sovrintendenza ha dato prova  di attuare il Codice dei Beni culturali,- avvisa Ortigia Sostenibile –  la legge che all’articolo 52 stabilisce che i “Comuni, sentito il Soprintendente, individuano le aree pubbliche  aventi valore archeologico, storico, artistico e paesaggistico nelle quali vietare o sottoporre a condizioni particolari l’esercizio del commercio”.

Il comitato punta poi il dito contro qualche solarium di Ortigia. “E’ già in atto il montaggio di una delle più deturpanti strutture a mare, a ridosso della Fonte Aretusa: ogni anno con “migliorie” e avanzamenti. A completare il quadro di una città e in particolare di un centro storico, devastato da un traffico ormai indomabile, anche i segni evidenti di una raccolta “differenziata”, disorganizzata e approssimativa che ha ridotto le strade in discariche a cielo aperto.   Su tutto questo. E su molto altro, continueremo a lavorare e a cercare risposte, da questa e da qualsiasi altra amministrazione comunale”.

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon20
Tweet 20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com